CINA. Pechino lancia i suoi droni dalle portaerei

210

Molte imprese dell’apparato militare cinese stanno progettando droni in grado di decollare dalle portaerei, la nuova frontiera dello sviluppo industriale militare aeronavale.

Si tratta di richieste scaturite dalla volontà di creare una flotta da destinare alla portaerei 001A  e alle successive sue evoluzioni. La 001A dovrebbe entrare in linea quest’anno, così come l’altra già in costruzione, riporta Asia Times.

Stando a quanto riporta Scmp, l’Aviation Industry Corporation of China ha appena riallocato la sua serie 601-S di Uav a bassa visibilità e ha lanciato una nuova variante a reazione, ali pieghevoli, una presa d’aria di fusoliera e altre caratteristiche che sono i tratti distintivi di un drone da trasporto.

Stando poi a Kanwa Defense Review il nuovo UAV potrebbe essere inglobato nella famiglia di droni Sharp Sword di Avic, il cui concept era già stato presentato allo Zhuhai Airshow a novembre 2018. In un video promozionale, questo drone è decollato dalla portaerei Liaoning; inoltre anche il Ch-7, sviluppato dalla China Aerospace Science and Technology Corp, ha ricevuto modifiche al suo design e alle sue specifiche per l’impiego a bordo delle navi. Il CH-7 è un nuovo Uav stealth simile all’X-47B della US Air Force, in grado di navigare a 920 km/h ad un’altitudine di 13.000 metri per 15 ore. Questo drone d’assalto è specificamente progettato per verificare e monitorare obiettivi come stazioni di comando ostili, siti di lancio di missili e navi militari.

La China Shipbuilding Industry Corp ha lanciato il suo drone da ricognizione e attacco HK-5000G alla fine del 2018; le caratteristiche tecniche di questo drone sono conformi alle specifiche delle catapulte di bordo per decolli assistiti e può essere facilmente dispiegata a bordo di cacciatorpediniere e portaerei. L’HK-5000G ha un’apertura alare di 17 metri e un carico utile di 500 chilogrammi con una durata di volo di otto ore a 600km/h. Global Times ha  anche pubblicato le foto di un Uav di medie dimensioni che decolla verticalmente da un cacciatorpediniere lanciamissili, casse 052C Lanzhou, nel mezzo del Mar Cinese Meridionale.

Questo nuovo drone Vtol ha un design unico a tripla fusoliera con almeno nove eliche. Global Times riporta che le otto eliche più piccole del drone possono sollevarlo mentre l’elica più grande può generare spinta. Il drone, ancora senza denominazione, poteva essere lanciato da un cacciatorpediniere, una fregata e da navi più grandi per missioni di ricognizione e di ricerca a lungo raggio.

Luigi Medici