CINA. Pechino lancia i droni anfibi d’assalto nel Mar Cinese Meridionale 

66

La Cina ha consegnato la flotta del primo al mondo drone anfibio armato, un’arma che potrebbe rinforzare le difese di Pechino negli avamposti del Mar Cinese Meridionale.

Il primo lotto di droni stealth “Marine Lizard” è stato consegnato ai militari cinesi la scorsa settimana da Wuchang Shipbuilding Industry Group, filiale della China Shipbuilding Industry Corporation, Csic, riporta Scmp.

Le navi sono lunghe 12 metri e possono raggiungere una velocità massima di 50 nodi in acqua e 20 km/h a terra. Secondo Hubei Daily, ogni drone è dotato di due mitragliatrici e di un sistema di lancio verticale per missili antinave e antiaerei, che consente lo spiegamento in attacchi terrestri, aerei e navali. Hanno una portata operativa massima di 1.200 km e possono essere controllati a distanza fino a 50 km. Una combinazione di radar, sistemi ottici e sistemi di navigazione satellitare Baidou comporta che questi vascelli possono combattere assieme con droni aerei e terrestri e altre navi. 

Per il Csic, Marine Lizard, tutto in lega di alluminio, potrebbe essere utilizzato per spostare personale, effettuare pattugliamenti costiere, condurre la sorveglianza costiera e rafforzare la difesa aeroportuale sugli avamposti militari.

«Possono nascondersi e ibernarsi, fare pattuglie autonome e lanciare rapidi assalti e sbarchi», afferma l’azienda. I droni possono ibernarsi vicino ad un obiettivo fino a otto mesi prima di essere riattivati a distanza per lanciare un attacco improvviso, una tattica che potrebbe essere usata verso isole disabitate.

La loro velocità  e furtività fa sì che potrebbero anche portare i soldati per un attacco a sorpresa su un’isola o nelle montagne. In più, possono essere liberati da terra o da una nave per cercare subacquei nemici o condurre operazioni 24 ore su 24, in tutte le stagioni.

Simili caratteristiche sarebbero state particolarmente utili per la guardia costiera cinese e le forze militari nel Mar Cinese Meridionale.

Antonio Albanese