CINA. Pechino e Nuova Delhi fanno pace sul Bramaputhra allo SCO

88

Lo scorso 9 giugno, Cina e India hanno risolto una disputa sul fiume Brahmaputra, che scorre dal Tibet al Bangladesh e che è soggetto alle inondazioni, segno della crescente cooperazione tra i due paesi.

Il primo ministro indiano Narendra Modi e il presidente cinese Xi Jinping hanno firmato l’accordo all’inizio del vertice dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo di Shanghai, Sco. «I nostri colloqui aggiungeranno ulteriore vigore all’amicizia India-Cina», ha detto Modi su Twitter, mentre i due paesi cercano di resettare i legami travagliati mesi dopo lo stallo del valico di frontiera sul Doklam, riporta Reuters. 

Lo Sco, lanciato nel 2001 principalmente per combattere l’Islam radicale e altre questioni di sicurezza in tutta l’Asia centrale, ha visto l’adesione dei rivali tradizionali India e Pakistan come membri effettivi l’anno scorso. Nell’ambito di due accordi firmati a margine del vertice Sco, la Cina condividerà i dati idrologici sul fiume Brahmaputra e modificherà alcuni requisiti sulle esportazioni indiane di riso diverso dalla varietà Basmati in Cina, ha detto il ministero degli Esteri indiano, su Twitter.

L’India ha detto l’anno scorso che la Cina non aveva aderito ad un accordo per condividere dati idrologici, né informazioni scientifiche sul movimento, la distribuzione e la qualità dell’acqua per il fiume Brahmaputra. La Cina aveva addotto motivi “tecnologici”. Nuova Delhi è anche preoccupata per il crescente deficit commerciale con la Cina e ha cercato un maggiore accesso alla seconda economia mondiale per prodotti come il riso, la colza, la soia e lo zucchero. Il divario commerciale dell’India con la Cina è aumentato a 51 miliardi di dollari, un aumento di nove volte nell’ultimo decennio.

L’affare del riso dovrebbe aiutare l’India, infine, ad entrare nel mercato in Cina, il più grande acquirente del mondo. La Fao stima che la Cina acquisterà 6,4 milioni di tonnellate di riso nel 2018, mentre l’India esporterà un totale di 11,9 milioni di tonnellate.

Maddalena Ingrao