CINA. Pechino cerca investimenti stranieri

49

di Graziella Giangiulio CINA – Pechino 20/01/2017. La Cina ha annunciato ulteriori misure per attrarre investimenti stranieri, promettendo un più facile accesso e un ambiente migliore.

Le imprese straniere, riporta Xinhua, dovranno affrontare meno restrizioni nei settori dei servizi, manifatturiero ed estrattivo, si legge in un documento del Consiglio di Stato. Il governo intende allentare i controlli all’entrata per banche, broker di titoli e future e compagnie di assicurazione, alleggerire le restrizioni sul trasporto ferroviario di attrezzature di produzione, sulla produzione di moto, sui combustibili etanolo e petrolio e sulla lavorazione dei grassi; tra i settori interessati dall’alleggerimento per le società estere ci sono gli scisti bituminosi, le sabbie bituminose e il gas di scisto. Il documento ufficiale riporta anche settori come contabilità, progettazione e architettura, telecomunicazioni, internet, cultura, istruzione e trasporti.

Le società straniere saranno incoraggiate a investire in tutto il ciclo produttivo, nella produzione intelligente e verde, nelle infrastrutture energetiche, nella conservazione dell’acqua e protezione dell’ambiente, e nel costruire impianti industriali nelle zone centrali, occidentali e nord-orientali del paese che sono in ritardo rispetto allo sviluppo generale.
Pechino intende sostenere le imprese straniere nella creazione di centri di ricerca e sviluppo e nel rafforzamento della cooperazione con le omologhe società cinesi, consentirà loro inoltre di partecipare a programmi scientifici e tecnologici nazionali.

Proprio per questo, per creare un ambiente “business”, il governo intende rinforzare la protezione dei diritti di proprietà intellettuale e creare dei centri arbitrali per i diritti di proprietà intellettuale in Cina; grande cambiamento anche nel settore dell’investimento pubblico. Pechino permetterà alle imprese straniere di acquistare titoli pubblici e di agire nel mercato cinese per espandere i canali di finanziamento; nel 2016 gli investimenti diretti esteri hanno mantenuto una crescita costante grazie al forte investimento nel settore dei servizi: più 4,1 per cento anno su anno pari a 813 miliardi di yuan.