CINA. Pechino blocca l’import agricolo dagli USA

58

La Cina sta bloccando le importazioni agricole degli Stati Uniti dopo che il presidente Donald Trump ha acuito le tensioni con il suo più grande partner commerciale agricolo la scorsa settimana. Il governo cinese ha chiesto alle sue imprese statali di sospendere gli acquisti di prodotti agricoli statunitensi, riporta Bloomberg. Inoltre, anche le società cinesi private che hanno ricevuto una deroga hanno smesso di comprare il prodotto a causa dell’incertezza sulle relazioni commerciali.

I compratori cinesi si stanno aggirando in Sudamerica per la gran parte dei loro rifornimenti dopo che Trump la scorsa settimana ha proposto di aggiungere un ulteriore 10% di tariffe su altri 300 miliardi di dollari di importazioni a partire dal 1° settembre, segnando un’improvvisa escalation della guerra commerciale tra le più grandi economie mondiali poco dopo che le due parti hanno riavviato i colloqui. Pechino è rimasta colpita dall’annuncio di Trump, e Pechino si è impegnata a rispondere se gli Stati Uniti insistessero nell’aggiungere tariffe extra. Le aziende agricole statali cinesi hanno smesso di acquistare prodotti agricoli americani, e sono in attesa di vedere come andranno avanti i colloqui. 

Nel frattempo, le società agricole private non hanno ricevuto notifiche dal governo su qualsiasi cambiamento di politica da quando gli Stati Uniti hanno intensificato le tensioni.

I cinesi starebbero cercando di comprare di nuovo la soia brasiliana dopo che i colloqui commerciali si sono inaspriti; i compratori cinesi starebbero cercando carichi principalmente per settembre visto che i premi per la soia in partenza dal Brasile verso Pechino la scorsa settimana sono aumentati. Trump ha ripetutamente lamentato che la Cina non ha fatto le “grandi quantità” di acquisti agricoli che, secondo Trump, gli avrebbe promesso Xi Jinping a Osaka durante il G-20.

Accuse smentite anche perché alcuni accordi, affermano i cinesi non sono stati conclusi perché i prezzi non sono competitivi. La Cina aveva già drasticamente ridotto gli acquisti negli Stati Uniti, con le importazioni di soia che sono scese al minimo degli ultimi dieci anni nel corso del primo semestre.

Graziella Giangiulio