CINA. Pechino apre il suo mercato del riso agli States

68

La Cina ha dato il via libera finale alle importazioni statunitensi nel più grande mercato mondiale del riso. Un risultato della tregua di 90 giorni nella guerra commerciale tra Washington e Pechino. Il riso americano è stato sdoganato per l’importazione dal 27 dicembre, ha annunciato l’Amministrazione delle Dogane cinesi.

«Secondo le leggi cinesi in materia e le condizioni stabilite nel protocollo fitosanitario concordato, gli Stati Uniti sono autorizzati ad esportare riso in Cina», ha detto in comunicato, ripreso da Scmp, il dipartimento La Cina ha accettato di aprire il suo mercato del riso ai produttori statunitensi dopo che è stato raggiunto un accordo in tal senso nel 2017. L’accordo non ha avuto effetto immediato in quanto è stato necessario mettere in atto una serie di procedure d’ispezione.

L’annuncio delle Dogane è l’ultimo passo di Pechino verso l’apertura dei mercati da quando il presidente cinese Xi Jinping e il suo omologo americano Donald Trump si sono incontrati il 1° dicembre e hanno concordato un periodo di tregua di 90 giorni per lavorare verso un accordo commerciale. Parte dell’accordo prevedeva che la Cina avrebbe acquistato più prodotti agricoli statunitensi. Da allora la Cina ha acquistato più di 1,5 milioni di tonnellate di soia e ha ripreso ad acquistare gas liquefatto.

Gli Stati Uniti hanno un lungo elenco di denunce contro la Cina in materia di proprietà intellettuale, trasferimenti forzati di tecnologia e sovvenzioni industriali; Trump in più occasioni ha detto che la Cina ha utilizzato «pratiche commerciali sleali», il che ha portato ad un deficit commerciale che ha promesso al suo elettorato di ridurre.

I negoziati per l’apertura del mercato del riso cinese agli Stati Uniti sono iniziati più di un decennio fa. Le richieste cinesi di riso sono aumentate dopo l’adesione all’Organizzazione Mondiale del Commercio nel 2001, ma la mancanza di protocolli fitosanitari ha bloccato le importazioni, riporta il giornale di Hong Kong. I prodotti a base di riso statunitensi dovranno affrontare la concorrenza in Cina, dove Vietnam e Tailandia sono i principali esportatori di riso.

La Cina ha importato circa 5 milioni di tonnellate di riso nel 2016, secondo i dati del dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Nel frattempo, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, gli Stati Uniti esportano da 3 a 4 milioni di tonnellate di riso all’anno.

Graziella Giangiulio