CINA. Pechino abbassa i prezzi della benzina

85

La Cina ha tagliato i prezzi al dettaglio sia di benzina e gasolio per la terza volta quest’anno dal 29 marzo a causa del calo dei prezzi sul mercato internazionale. L’annuncio è stato dato dalla Commissione per lo sviluppo e la riforma di Pechino ripresa da Xinhua

Il prezzo della benzina diminuirà di 230 yuan per tonnellata, mentre il prezzo del diesel sarà abbassato di 220 yuan per tonnellata; si tratta della più grande riduzione di prezzo effettuata quest’anno.

La Cina ha un regime di prezzi che regola i prezzi interni del petrolio al dettaglio quando i prezzi internazionali del greggio cambiano di oltre 50 yuan per tonnellata per un periodo di 10 giorni lavorativi.

A causa della maggiore produzione e crescita delle scorte negli Stati Uniti, i prezzi del petrolio sui mercati internazionali sono scesi bruscamente questo mese grazie al nuovo livello di produzione  dell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio, Opec, invase al quale i membri hanno deciso di tagliare la produzione di petrolio per frenare l’eccesso di offerta mondiale nel novembre dello scorso anno, secondo il centro di monitoraggio dei prezzi del Comitato cinese.

I prezzi del petrolio saranno mantenuti a un livello relativamente basso anche a causa di un eccesso di offerta nel breve periodo, ha detto il centro.

Finora, quest’anno, la Cina ha anche aumentato i prezzi del petrolio al dettaglio due volte, portando ad una riduzione accumulata dei prezzi del gas e diesel rispettivamente da 265 yuan e 255 yuan per tonnellata.

Un nuovo hub per il commercio di petrolio e gas è stato aperto a Shanghai il 3 dicembre 2016. Sulla nuova piattaforma operano i tre maggiori fornitori di carburante cinese: Sinopec, Cnpc e Cnooc.

Lo standard di emissione attualmente in vigore in Cina è il “Pechino VI”, che è superiore a quello più diffuso nazionale “standard V” ed equivalente alla norma Euro VI, la più severa in Cina.

L’emissione standard nazionale è stata introdotta nel 1999 e il National Standard II da seguire nel 2004.

Le autorità intendono togliere dalla circolazione le vetture più inquinanti e non in regola con gli standard ambientali.

I veicoli più inquinanti a benzina rappresentano meno del 10 per cento dei veicoli sulla strada, ma scaricano nell’aria oltre il 30 per cento di ossido di azoto e il 25 per cento dei composti organici volatili.

Maddalena Ingroia