CINA. Nuove regole anti speculazione

34

di Maddalena Ingroia CINA – Pechino 05/12/2016. La banca centrale cinese ha elaborato nuove linee guida per rafforzare i controlli sulle imprese nazionali che fanno prestiti in yuan all’estero. Si tratta di una mossa per frenare la speculazione sullo yuan, riporta labance centrale ripresa da China Daily.

Tutti gli istituti di credito dovranno registrarsi agli enti locali regolatori dei cambi prima di emettere prestiti all’estero, e l’ammontare dei prestiti non dovrà superare il 30 per cento del patrimonio netto del prestatore. L’attuazione di queste linee guida costituirà una pietra miliare perché è la prima volta che la banca centrale istituisce un importo massimale per i prestiti in yuan che i creditori sono autorizzati a rilasciare all’estero.
«L’emissione di prestiti all’estero è un modo piuttosto semplice per spostare soldi rispetto ad altri metodi, senza procedure di approvazione necessari per passare attraverso i tassi ufficiali di cambio e gli enti preposti» riporta il giornale.