Pechino ratifica NDB

6

CINA – Pechino 01/07/2015. Il “parlamento cinese”, il primo luglio, ha ratificato l’accordo sulla fondazione della New Development Bank (Ndb), la banca dei Brics, che finanzierà progetti infrastrutturali del gruppo e di altre economie in via di sviluppo.

L’approvazione, riporta Xinhua, è stata concessa durante la sessione bimestrale del Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo. L’accordo era stato firmato dai cinque membri, Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa, il 15 luglio dello scorso anno nel corso del sesto vertice Brics. Entrerà in vigore solo quando tutti i paesi Brics hanno presentato documenti di accettazione, ratifica o approvazione. Il Ndb sede a Shanghai avrà un capitale iniziale autorizzato di 100 miliardi di dollari, e la sua capitale sottoscritto iniziale di 50 miliardi dollari verrà equamente diviso tra i soci fondatori. Ndb avrà una struttura di governance a tre livelli: un consiglio dei direttori, un consiglio dei governatori, un presidente e vice presidenti. Come concordato dai cinque paesi, il primo presidente del consiglio dei governatori sarà nominato dalla Russia, il primo presidente del consiglio dei direttori da parte del Brasile, e il primo presidente da parte dell’India. Hanno inoltre concordato di istituire un centro regionale Ndb africano in Sud Africa. Il consiglio dei governatori dovrebbe tenere la prima riunione il 7 luglio in Russia per nominare il consiglio dei direttori e il presidente, secondo il ministero delle Finanze di Pechino. Le norme relative alle procedure e la strategia quinquennale di sviluppo della banca verranno discusse sempre il 7 luglio. Il primo team si insedierà a Shanghai a luglio, secondo il ministero e Ndb dovrebbe essere operativa alla fine di quest’anno o all’inizio del 2016. Una volta che l’accordo verrà approvato dal Comitato permanente, il governo cinese fornirà 10 miliardi di dollari alla banca.