CINA. Nascerà un BRICS Intelligence Forum

125

Parlando in occasione di una riunione dei capi di Stato e di governo al IX vertice Brics, il presidente Michel Temer ha difeso la proposta del Brasile di creare un forum Brics che riunisca l’intelligence dei paesi del gruppo per intensificare la lotta contro il terrorismo.

Temer ha definito quest’area come «un tema che richiede un’azione sempre più coordinata da parte di tutti». Temer ha poi sottolineato che l’iniziativa «costituirebbe un ulteriore contributo ai nostri sforzi concentrati per prevenire gli atti terroristici», riporta il sito della presidenza brasiliana.

La proposta è stata appoggiata dal Presidente russo Vladimir Putin; secondo il presidente russo: « «Credo che sia molto interessante il suggerimento avanzato dal Brasile per la creazione del Brics Intelligence Forum».

Temer ha anche sottolineato che il Brasile ha partecipato alla creazione del Trattato sulla proibizione delle armi nucleari, che sarà firmato il mese prossimo, e ha condannato i recenti test missilistici nucleari condotti dalla Corea del Nord. «In una prospettiva più ampia e a lungo termine, il disarmo nucleare è la garanzia più efficace contro la proliferazione», ha aggiunto Temer.

Concentrandosi sul tema “ Stronger Partnership for a Brighter Future” (Partenariato più forte per un futuro più luminoso), i leader al vertice Brics 2017, a Xiamen, in Cina, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta che delinea i programmi per quest’anno e i punti sui quali le nazioni hanno concordato di lavorare. Tra questi figurano proprio la lotta al terrorismo, il rafforzamento del commercio, lo sviluppo della cooperazione in materia di oceani e turismo, ecc. Per la prima volta sono state menzionate organizzazioni terroristiche come Daesh per cui condivisione dell’intelligence e il lavoro di contrasto comune risultano fondamentali.

Ecco i due punti in questione della dichiarazione congiunta di Xiamen: «36. Accogliamo con favore la settima riunione degli alti rappresentanti BRICS per le questioni di sicurezza, tenutasi a Pechino il 27-28 luglio 2017, e plaudiamo alla riunione per aver discusso e approfondito la nostra intesa comune sulla governance globale, la lotta al terrorismo, la sicurezza nell’uso delle Tic, la sicurezza energetica, i principali hotspot internazionali e regionali, nonché la sicurezza e lo sviluppo nazionali. Prendiamo atto della proposta del Brasile di istituire un forum Brics sull’Intelligence. Accogliamo con favore la relazione della Presidenza sui lavori della riunione e incoraggiamo le presidenze successive a proseguire questo esercizio. Auspichiamo di rafforzare la cooperazione pratica in materia di sicurezza concordata nei settori summenzionati (…) 48. A questo proposito, esprimiamo preoccupazione per la situazione della sicurezza nella regione e le violenze provocate dai Talebani, Isil/Daesh, Al-Qaeda e dalle sue affiliate, tra cui l’Eastern Turkistan Islamic Movement, Islamic Movement of Uzbekistan, l’Haqqani network, Lashkar-e-Taiba, Jaish-e-Mohammad, TTP e Hizb ut-Tahrir».

Tommaso dal Passo