CINA. Le piogge rischiano di far saltare la diga delle Tre Gole

344

Se il coronavirus è stato una distrazione dalle preoccupazioni per il clima, le recenti inondazioni in Cina lo stanno facendo ricordare con veri torrenti di pioggia fuori stagione.

L’arrivo ufficiale della stagione delle piogge in Cina questa settimana è stato preceduto da eventi temporaleschi pesanti: enormi porzioni della seconda economia mondiale erano già sott’acqua dopo che nelle settimane precedenti piogge record avevano colpito il Celeste impero. Gli argini dei fiumi sono scoppiati, migliaia di chilometri quadrati di terreno agricolo sono ora a rischio e le difese idriche delle città sono minacciate.

In seguito agli avvertimenti del mese scorso, l’attenzione si è concentrata in gran parte sulla gigantesca diga delle Tre Gole, che trattiene miliardi di litri di acqua del fiume Yangtze in piena da alcune delle più importanti regioni industriali e finanziarie della Cina a valle. Genera anche energia idroelettrica per milioni di case e imprese. La sua importanza è tale che la diga è stata inclusa in una lista di progetti che meritano un finanziamento di emergenza nell’ambito di un programma di emissione di obbligazioni da 266 miliardi di dollari.

Pechino ha ammesso che la struttura di 2,4 km «si è leggermente deformata» dopo le inondazioni; Xinhua riporta i dati dell’operatore dell’impianto, secondo cui che alcune parti periferiche non strutturali della diga hanno ceduto quando l’inondazione dalle province occidentali, tra cui Sichuan e Chongqing, ha raggiunto il record di 61.000 metri cubi al secondo.

Anche se l’inondazione si è attenuata in seguito, da allora è piovuto ancora di più in quelle province in un momento in cui tutti i principali affluenti dello Yangtze erano già inondati; «La diga può solo temporaneamente intercettare le inondazioni a monte, ma non può fare nulla per le inondazioni causate dalle forti piogge nel mezzo e nel basso dello Yangtze», riporta Asia Times.

Milioni di persone che rischiano di morire o di rimanere senza casa se la diga esplodesse, le Tre Gole è un ovvio obiettivo strategico che va difeso per il governo di Pechino.

Lucia Giannini