CINA. La trappola del debito blocca la rete ad velocità di Pechino

121

La seconda economia mondiale ha ora la rete ferroviaria più grande del mondo: 127.000 chilometri di lunghezza; circa il 20% è costituito da vie ad alta velocità, che attraversano il paese, secondo i dati diffusi dalla China Railway Corporation, Crc. Il costo di una simile rete è stato astronomico.

Stando a quanto riportano Caixin Media e Scmp: «La ferrovia ad alta velocità della Cina si basa principalmente sul finanziamento del debito, e la costruzione della ferrovia ad alta velocità ha portato il debito di CRC ad aumentare di quasi dieci volte da 476,8 miliardi di yuan nel 2005 a 4,72 trilioni di yuan nel 2016». Nel 2017, la Crc ha investito 801 miliardi di yuan su nuovi progetti e, mentre la cifra dello scorso anno deve ancora essere rilasciata, il numero di grandi sviluppi infrastrutturali sembra destinato ad aumentare nel 2019.

In effetti, tutto questo fa parte della mossa del presidente Xi Jinping di aumentare i finanziamenti dopo che gli investimenti in attività fisse sono scesi a un decennale del 5,9% nei primi 11 mesi del 2018. Poiché si tratta di un importante motore di crescita, il rallentamento ha frenato l’economia cinese, che sta mostrando rapidi segnali di raffreddamento con il calo dei consumi e la diminuzione dell’attività industriale. E non si tratta solo di conseguenze della guerra commerciale con gli Stati Uniti.

I rischi economici legati allo sviluppo di una rete ad alta velocità sono legati al fatto che il costo è da due a tre volte superiore a quello delle ferrovie convenzionali e poiché la ferrovia ad alta velocità può trasportare solo persone, non merci, può esserci una domanda sufficiente solo in grandi aree densamente popolate, dove le entrate derivanti dai biglietti possono coprire i costi di costruzione e di esercizio. Attualmente, la maggior parte delle linee ferroviarie ad alta velocità cinesi ha una capacità inutilizzata, a eccezione delle linee Pechino-Shanghai e Pechino-Guangzhou. 

L’indicatore che meglio riflette l’efficienza del trasporto ferroviario è chiamato “densità di trasporto”, cioè il volume medio di trasporto per chilometro di ferrovia all’anno: nel 2015, la densità di trasporto della linea ferroviaria ad alta velocità Pechino-Shanghai è stata la più alta della Cina, raggiungendo circa 48 milioni di passeggeri per chilometro. La linea ferroviaria ad alta velocità Lanzhou-Urumqi si è classificata la più bassa con 2,3 milioni di passeggeri per chilometro. 

La densità media di trasporto della ferrovia ad alta velocità in Cina è stata di 17 milioni. In confronto, la densità media di trasporto per il sistema ferroviario giapponese ad alta velocità è di 34 milioni.

Per la China Railway Corporation, i segnali di pericolo sono chiari e classificabili con l’immagine di un rinoceronte grigio che può caricare in qualsiasi momento, provocando il caos economico per il maggiore onere del debito per il Crc che gestisce la rete, e per i governi locali.

Maddalena Ingrao