CINA. La prossima pandemia arriva dai maiali?

256

Gli scienziati cinesi hanno scoperto nel Paese un nuovo ceppo di influenza suina capace di trasmettersi all’uomo e di scatenare una pandemia.

Secondo quanto riporta Prensa Latina, la variante è identificata come G4 EA H1N1, è emersa recentemente, i maiali sono i suoi portatori naturali e ha tutte le caratteristiche per infettare le persone. I primi risultati suggeriscono che sembra essere simile all’influenza del 2009, ma con alcuni cambiamenti.

I ricercatori sollecitano un monitoraggio permanente a questo proposito per evitare possibili infezioni e un’epidemia massiccia che porti a una pandemia globale, come l’attuale Covid-19.

Avvertono persino che il virus può crescere e persino moltiplicarsi nelle cellule che rivestono le vie aeree nell’uomo, un’indicazione rilevata in alcuni lavoratori dei macelli dell’industria suinicola del Paese asiatico.

Anche se non è un rischio immediato, riporta The Scotsman, i ricercatori hanno avvertito che il virus ha “tutte le caratteristiche” per mutare e trasmettersi più facilmente tra gli esseri umani.

Anche se Covid-19 rimane in prima linea tra gli epidemiologi, il nuovo ceppo influenzale ha attirato l’attenzione degli esperti di salute.

I virus dell’influenza cambiano continuamente, ma in genere non si evolvono in un virus capace di scatenare una pandemia. Il nuovo virus, noto come G4 EA H1N1 non, proprio per la sua recente comparsa, un vaccino antinfluenzale adeguato in grado di proteggere dal virus. L’attuale vaccino antinfluenzale è stato adattato in seguito all’epidemia di influenza suina del 2009.

Inoltre Bloomberg riporta che le preoccupazioni in Cina per la ricomparsa di epidemie di una malattia suina in un momento in cui si prevede un calo delle importazioni di carne suina hanno spinto i prezzi della carne ai massimi livelli degli ultimi due mesi.

Secondo i dati pubblicati dal ministero del commercio, i prezzi all’ingrosso della carne suina sono aumentati del 5,1% la scorsa settimana, il più grande guadagno di questo tipo in circa otto mesi. La carne è ora commercializzata a circa 43,4 yuan per chilogrammo, il più alto da aprile.

I prezzi della carne di maiale cinese, una componente chiave della misura dell’inflazione del paese, avevano raggiunto livelli record a novembre, quando la diffusione della peste suina africana ha tagliato le forniture nel più grande consumatore mondiale di carne. Ma quando gli allevamenti hanno cominciato a prendere il controllo dell’epidemia, i prezzi hanno cominciato a diminuire man mano che cresceva l’ottimismo.

Anche la Cina ha acquistato quantità record di carne per colmare il suo deficit di approvvigionamento, con un aumento degli arrivi all’inizio di quest’anno. Tuttavia, questo potrebbe rallentare anche dopo che il dipartimento doganale cinese ha sospeso gli acquisti da diversi fornitori d’oltreoceano per le preoccupazioni sulle importazioni dopo che i dipendenti del macello dal Brasile in Europa hanno segnalato infezioni da coronavirus.

La direzione dei prezzi della carne suina in Cina non solo ha un impatto sui commercianti agricoli e sugli osservatori dell’economia, ma anche sugli investitori azionari. Le azioni della Muyuan Foodstuff Co., il secondo allevatore di maiali del paese, sono aumentate di oltre il 5% il 30 giugno per chiudere a un livello record.

Le epidemie di peste suina africana sono aumentate da marzo, con casi recenti segnalati nella provincia nordoccidentale del Gansu a maggio e uno nella provincia sudoccidentale dello Yunnan all’inizio di questo mese.

Antonio Albanese