CINA. La propaganda corre sul treno

78

La città di Changchun, nella provincia dello Jilin, nord-est della Cina, ha messo in servizio un treno che fa servizio metropolitano, principalmente per i pendolari, interamente dedicato alla Nuova Era di Xi Jinping. Si tratta di un treno tutto dedicato alla propaganda presidenziale sulla metropolitana comunale.

Il treno è stato messo in servizio a partire dal 1 luglio, come “regalo di compleanno” al Partito Comunista per il suo 97° anniversario, ha detto il governo locale. Le carrozze sono decorate in rosso e con decine di citazioni di Xi.

Il governo locale ha descritto il treno come un «manuale spirituale altamente condensato» dello Xi Jinping pensiero, che riflette lo spirito del congresso nazionale del partito dell’autunno 2017 in cui Xi ha ricevuto il suo secondo mandato; a marzo, poi, ha abolito i limiti del mandato costituzionale alla Presidenza, spianando la strada per il suo mantenimento al potere dopo il 2023. L’ideologia del presidente è ora scritta nelle costituzioni del partito e dello Stato, ed è citata ogni giorno da funzionari e media statali. Inoltre, i suoi slogan coprono manifesti e cartelloni pubblicitari nelle città di tutto il paese, agli alunni viene detto di «piantare il pensiero dello Xi nelle loro menti», e decine di istituti di ricerca sono stati istituiti nelle migliori università per studiare la sua ideologia, riporta Scmp.

Anche se la propaganda è stata a lungo un braccio cruciale del partito, oggi ha permeato tutti gli aspetti della vita sotto Xi, raggiungendo livelli mai visti dalla Rivoluzione Culturale: ogni prima pagina del People’s Daily dedicata a Xi, ogni istituto di ricerca dedicato al suo pensiero, ogni treno della metropolitana decorato con suoi aforismi manifesta la volontà di costruire attorno a lui un nuovo culto della personalità.

Xi, infatti, è l’unico leader che dai tempi di Mao abbia un’ideologia che porta il suo nome scritto nella costituzione del partito mentre è al potere. Le grandiose denominazioni un tempo associate a Mao sono ora rianimate e applicate a Xi. 

C’è però una differenza tra i due: se Mao era venerato per il suo pensiero, dato che ogni sua affermazione è stata elevata allo status di scrittura sacra, Xi Jinping non ha questo tipo di devozione religiosa, solo obbedienza politica.

Anna Lotti