CINA. La Liaoning è ora combat ready

72

La Liaoning, l’unica portaerei dell’Esercito di Liberazione popolare, è un vascello da 55.000 tonnellate, che è servita da gigantesca nave da addestramento per gli aviatori e i marinai cinesi.

Ora, però, la portaerei cinese potrebbe essersi guadagnata un nuovo ruolo guida alla luce della politica di Pechino di formare una sua marina d’altura in grado di competere con quella di altre nazioni. I media cinesi hanno pubblicato una serie di notizie sul fatto che, dopo sei mesi di ristrutturazione, presso il cantiere navale di Dalian, la Liaoning è stata trasformata in una base aerea marittima “pronta al combattimento”, carica di tecnologie home made, riporta la China Central Television.

La portaerei Liaoning ora è stata dotata di cavi d’arresto aggiornati, fatti di nuovi materiali compositi per quando i caccia derivati dal J-15 atterreranno sul suo ponte, ed è stato installato un ulteriore supporto di rete d’arresto alla fine del ponte di volo per fermare un aereo in caso di atterraggio arrestato fallito, secondo la Cct. Gli ingegneri del Pla hanno anche apportato modifiche alle turbine a vapore e al sistema di propulsione e sono state potenziate le capacità anti-jamming della nave.

Oltre a questi miglioramenti, altre precedenti notizie lasciavano intendere che il Pla avrebbe potuto sperimentare l’installazione di prototipi di catapulte elettromagnetiche proprio sulla Liaoning. Questo fatto potrebbe trasformare la vecchia nave costruita nell’Ucraina sovietica in un banco di prova per tecnologie all’avanguardia per aumentare la velocità e il carico utile dei caccia che operano dal suo ponte di volo.

La logica della riconversione del Liaoning per le catapulte elettromagnetiche è per stimolare il “crash training” dei tanto necessari piloti navali, riporta poi Asia Times. Il Pla sta affrontando una crisi di talenti nel suo tentativo di formare squadroni di caccia d’élite, basati su una portaerei. 

Il nuovo ruolo di “banco di prova” della Liaoning è quindi in linea con la sua principale missione: una piattaforma, in primo luogo, per l’addestramento e l’affinamento delle competenze. Nonostante il riadattamento, la nave dipende ancora da un propulsore a vapore e continua ad operare con una rampa di prua che limita le prestazioni sul ponte, il che significa che è improbabile che il Liaoning possa avventurarsi lontano dalle coste cinesi o inviare i suoi aerie J-15 in un combattimento aereo vero. Inoltre, essendo stata creata per la prima volta a metà degli anni Ottanta del Novecento, la Liaoning potrebbe normalmente essere messa fuori servizio entro il prossimo decennio.

Tommaso dal Passo