CINA. La crisi nucleare nordcoreana spinge Pechino e Tokyo a cooperare

143

Il Giappone e la Cina hanno deciso di rafforzare la cooperazione economica e finanziaria. Lo ha dichiarato il 6 maggio, il ministro delle Finanze giapponese Taro Aso ripreso da Reuters.

Il ministro delle Finanze cinese Xiao Jie, che non aveva partecipato alla trilaterale con gli omologhi giapponese e sudcoreano il giorno prima, per una riunione interna di emergenza, ha voluto incontrare Aso, a Yokohama, per tacitare le speculazioni su una assenza politico-diplomatica.

«Abbiamo scambiato le rispettive opinioni sulle situazioni economiche e finanziarie in Giappone e in Cina e sulla nostra cooperazione nel campo finanziario», ha detto Aso dopo la riunione.

«È stato significativo che abbiamo riconfermato la necessità di una cooperazione finanziaria tra i due paesi, condividendo le nostre esperienze nell’affrontare le politiche economiche e le questioni strutturali», ha aggiunto il ministro giapponese.

I due paesi hanno accettato di lanciare una ricerca comune su temi di interesse reciproco e di riferire i risultati dei prossimi colloqui, che si terranno nel 2018 in Cina.

Non hanno discusso di valute e dei rischi geopolitici del programma nucleare e missilistico della Corea del Nord durante l’incontro, tenuto a margine della riunione annuale della banca Adb a Yokohama, ha detto Aso.

Le relazioni tra Giappone e Cina sono tese per la diatriba relativa alla isole Senkaku, anche se i leader dei due paesi hanno recentemente cercato di risolvere la questione attraverso il dialogo.

Inoltre, la crescente presenza della Cina in Adb ha allarmato alcuni politici giapponesi, i quali temono che la nuova banca di sviluppo di Pechino, la Asian Investment Fund, Aiib, possa oscurare l’Adb, sostenuta dal Giappone.

Poco prima dei colloqui bilaterali, Xiao aveva espresso la speranza che Adb potesse  rafforzare le iniziative legate alla nuova Via della Seta, lanciate dalla Cina: «La Cina spera che Adb rafforzi i legami strategici tra i suoi programmi e l’iniziativa della Nuova Via della Seta per massimizzare la sinergia e promuovere l’ulteriore sviluppo dell’Asia», ha dichiarato Xiao alla riunione annuale dell’Adb.

Tommaso dal Passo