Il Regno saudita impedirà agli houthi di prendere lo Yemen

13

CINA – Pechino 01/09/2016. Il ministro degli Esteri dell’Arabia Saudita, Adel al-Jubeir, in un discorso tenuto alla Peking University tenuto il 31 agosto, ha detto che alle milizie houthi, appoggiate dall’Iran, non sarà permesso di prendere lo Yemen.

Al Jubeir, poi, ha accusato l’Iran di cercare di seminare disordini in tutta la regione. Gli houthi hanno detto il 29 agosto di essere pronti a riprendere i negoziati sulla cessazione delle ostilità in Yemen, ma si sono riservati il diritto di resistere agli attacchi portati dal governo riconosciuto a livello internazionale appoggiato dall’Arabia saudita, riprova al Arabyia. I colloqui sponsorizzati dalle Nazioni Unite sono stati interrotti ad agosto quando gli Houthi e il Gpc di Saleh hanno annunciato la formazione di consiglio direttivo di 10 membri il 6 agosto, ignorando un avvertimento da parte dell’inviato Onu in Yemen, Ismail Ould Sheikh Ahmed, secondo cui una simile mossa era in contrasto con le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. A Pechino, il ministro degli Esteri saudita ha detto che la palla era nel campo degli houthi se prender eo meno a giocare per finalizzare i colloqui di pace: «Quel che è certo, e che non è in discussione, è che non saranno autorizzati a prendere in consegna lo Yemen. Punto. Difenderemo così il governo legittimo», ha detto al-Jubeir. «La possibilità che hanno è quella di entrare nel processo politico, raggiungere un accordo (…) a beneficio di tutti gli yemeniti, tra cui ci sono gli Houthi» ha poi detto. In precedenza al-Jubeir aveva attaccato la politica dell’Iran: «L’Iran sostiene gli Houthi nello Yemen e cercando di prenderne il governo, li approvvigiona di armi, contrabbanda esplosivi in Bahrain, Kuwait e Arabia Saudita (…) Vogliamo tornare ad essere buoni vicini come prima della rivoluzione del 1979 (…) Sta a Iran modificare il suo comportamento». Almeno 10.000 persone sono state uccise in 18 mesi di guerra civile dello Yemen, hanno detto le Nazioni Unite. Una delegazione di alto livello del regno saudita è in Cina per un meeting legato all’incremento delle relazioni tra i due paesi, e nel quale sono stati firmati 17 accordi economici.