Amicizia sino-israeliana

92

CINA – Pechino 9/5/13. Il presidente cinese Xi Jinping ha incontrato il 9 maggio il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

«Mentre il mondo di oggi sta subendo cambiamenti profondi e complessi, un nuovo tipo di rapporto tra StatI deve essere stabilito basato su uguaglianza e reciprocità«, ha detto Xi.

Il presidente cinese ha poi aggiunto che pace, stabilità e sviluppo sono aspirazioni comuni dei paesi, soprattutto di quelli del Medio Oriente, la risoluzione delle controversie tra di essi con mezzi politici è una scelta strategica nell’interesse di tutte le parti interessate; tutte le nazioni nel Medio Oriente, incluso Israele, hanno uguale diritto alla vita e allo sviluppo.

«Solo quando i legittimi diritti di tutti i paesi saranno garantiti, ci potrà essere pace e stabilità permanente nella regione» ha poi detto.

Xi aveva già avuto colloqui con il presidente palestinese Mahmoud Abbas e aveva fatto una proposta in quattro punti per risolvere la controversia tra Palestina e Israele.

Gli ha fatto eco il premier israliano: «Speriamo che Israele e Palestina facciano sforzi comuni per adottare misure credibili volte a costruire passo dopo passo una fiducia reciproca, così come possano riprendere i colloqui di pace in tempi brevi», ha detto Netanyahu.

La Cina continuerà a tenere una posizione imparziale, al fine di facilitare le trattative, e dare un contributo alla soluzione dei problemi in Medio Oriente.

Durante l’incontro, Netanyahu ha detto che apprezza l’impegno cinese nel processo di pace, aggiungendo che Israele è disposto a intavolare un dialogo sulla questione con Pechino.

Questa è la seconda visita di Netanyahu in Cina da primo ministro. La prima avvenne nel maggio 1998.