CINA. In crescita la bilancia commerciale di Pechino

51

La bilancia commerciale della Cina ha iniziato il 2017 con un forte rimbalzo. Le esportazioni e le importazioni sono aumentate in modo significativo, riporta Xinhua, ma il protezionismo commerciale risorgente sarà un freno alla futura crescita delle esportazioni della Cina, avverte l’agenzia di stampa.

Le esportazioni cinesi in yuan sono aumentate del 15,9 per cento anno su anno nel mese di gennaio, rispetto al 0,6 per cento nel mese di dicembre, mentre le importazioni sono aumentate del 25,2 per cento, rispetto al 10,8 per cento, secondo gli ultimi dati doganali reso pubblici.

Il volume del commercio estero ha raggiunto i 2,18 miliardi di yuan nel mese di gennaio, in crescita del 19,6 per cento su base annua; è un fatto che ha portato a un surplus commerciale mensile di 354.53 miliardi di yuan, in calo del 2,7 per cento rispetto all’anno precedente, secondo i dati dell’Amministrazione generale delle dogane.

Il commercio estero con l’Unione europea, principale partner commerciale della Cina, è salito quest’anno del 14,1 per cento su base annua nel mese di gennaio, secondo i dati delle dogane.

Nello stesso periodo, il commercio estero con gli Stati Uniti, il secondo più grande partner commerciale della Cina, è aumentato del 21,9 per cento, mentre con l’Asean, partner terzo commerciale, è aumentato del 18,8 per cento.

Le società finanziate dall’estero hanno registrato un volume di scambi di 915.57 miliardi di yuan, in crescita del 13 per cento anno su anno; quelle private e statali hanno registrato una crescita molto più forte, con il loro volume di scambi in aumento del 21,3 per cento e 36,7 per cento, rispettivamente, nel mese di gennaio 2017.

Le esportazioni di macchinari ed elettronica sono salite del 16,6 per cento su base annua nel mese di gennaio, pari al 56,1 per cento del volume totale delle esportazioni. Nel frattempo, le importazioni di materie prime, tra cui il minerale di ferro e di petrolio greggio hanno continuato a crescere nel mese di gennaio, con aumenti generali dei prezzi.

Anna Lotti