CINA. Il nuovo senso del “Made in China”

54

La Cina superò gli Stati Uniti come top trader merci nel 2013; nei giorni scorsi gli Stati Uniti hanno ottenuto un vantaggio di circa 20 miliardi di dollari nel 2016. Per Iil ministro del commerci cinese Gao Hucheng le anomalie dei dati a breve termine sono perfettamente normali, riporta Xinhua.

Gao ha detto che la Cina si sta svezzando dalla sua dipendenza dalle esportazioni a buon mercato e dal denaro estero. Negli ultimi trenta o quaranta anni, la Cina ha registrato una crescita sostenuta; ora occorre spostare la catena del valore e convertire “sostenuta” in “sostenibile”.

Le fluttuazioni dei tassi di cambio e i prezzi delle materie prime hanno spinto le esportazioni e le importazioni della Cina nel 2016, ma, dice Gao, non è più un’espansione alla cieca: occorre pensare più che alle risorse, all’ambiente; la crescita deve venire attraverso qualità e efficienza. Manodopera a basso costo, terra e risorse non sono più all’ordine del giorno: oggi, una parte significativa del commercio della Cina comporta materie prime importate e l’assemblaggio di parti importate in prodotti finiti che vengono poi ri-esportate.

Il costo del lavoro e dei terreni sta aumentando rapidamente. Il vecchio modello sta fallendo: fabbriche sporche danneggiano l’ambiente; il commercio estero si basa su cambi che portano vulnerabilità incontrollabile e risorge il protezionismo.

La soluzione sta nella qualità dei prodotti a più alto valore aggiunto e di più alta fascia. Nel 2016, l’export di apparecchiature grandi e pesanti è cresciuto costantemente. Questo progresso è stato oscurato dalla crescita nel settore aerospaziale, della comunicazione.
Le norme sull’esportazione sono migliorate, insieme a tecniche, marchi e servizi, una «trasformazione storica» secondo il ministro.
Il “Made in Cina” sta passando da “a buon mercato e scadente” a “ragionevole e affidabile”.

La Cina spera di importare 8 miliardi di dollari di beni degli Stati Uniti nei prossimi cinque anni. mentre i viaggiatori cinesi all’estero portano con sé enormi quantità di denaro per gli imprenditori nelle diverse destinazioni.

Tommaso dal Passo