CINA. Il Grande Fratello cinese blocca le chat

75

Cosa sta succedendo al web cinese? Le autorità ”censorie” di Pechino stanno potenziando il “Grande Firewall cinese”. Nel corso del weekend appena trascorso, riporta Deutsche Welle, Apple ha confermato di aver rimosso le reti private virtuali, Vpn, provenienti da negozi online Apple in conformità alle normative governative cinesi approvate a gennaio secondo cui tutte le Vpn in Cina richiedono una licenza di governo.

Le Vpn reindirizzano l’attività online di un utente su un’altra rete e consentono l’accesso a contenuti web limitati.

Senza utilizzare una Vpn, gli utenti internet della Cina continentale non possono accedere a molti siti stranieri come Facebook. Feroci critiche hanno accusato Apple di piegarsi alla pressione del governo cinese. Senza l’uso di Vpn, la maggior parte di Internet sarà fuori portata per la Cina, sede del più grande numero di utenti del mondo a livello mondiale. Apple ha recentemente annunciato che avrebbe costruito un data center in Cina per conformarsi alle nuove leggi sulla sicurezza in materia di cybersecurity.

La limitazione delle Vpn è l’ultimo esempio di una tendenza che si è espressa pesantemente  per la morte del dissidente e premio Nobel per la pace Liu Xiaobo il 13 luglio. È stato dimostrato che la censura cinese bloccavano attivamente qualsiasi discussione di Liu sui social media cinesi.

Citizen Lab, gruppo di ricerca interdisciplinare di Toronto, ha analizzato la censura su Liu, sia sull’applicazione WeChat che Weibo.

I loro risultati hanno mostrato che la censura sta aumentando l’ampiezza della sua portata, bloccando anche le immagini in chat one-on-one e di gruppo, oltre a filtrare i messaggi di testo. Nel caso della commemorazione di Liu Xiaobo, Citizen Lab è stato in grado di determinare che i censori lavoravano in tempo reale per filtrare ogni menzione del nome e dell’eredità di Liu da WeChat, la piattaforma di messaggistica più popolare in Cina con un totale di circa 889 milioni di utenti mensili.

Poco dopo la ripulitura della commemorazione di Liu dalla rete cinese, WhatsApp ha subito interruzioni per la prima volta. Il 18 luglio, gli utenti di WhatsApp in Cina non potevano più ricevere foto e video. I messaggi di testo erano ancora possibili.

L’Associated Press riportava che la Cina stesse bloccando tutti i contenuti video e foto perché non poteva bloccare in modo selettivo i contenuti come su WeChat. WhatsApp è cifrato end-to-end, il che significa che i messaggi sono solo leggibili agli utenti di una conversazione; i servizi di WhatsApp che sono stati interrotti in Cina sembrano essere stati bloccati tramite i server WhatsApp già bloccati dal sistema nazionale di filtraggio web di Pechino.

Luigi Medici