CINA. Il dilemma di Pechino: più Stato o più mercato

60

Il forte apprezzamento del valore dello yuan cinese nel 2018 ha subito una battuta d’arresto lo scorso 8 febbraio dopo che Pechino ha detto che la moneta non può solo andare avanti, cioè apprezzarsi. Dopo più di un anno di continui aumenti, lo yuan, detto anche renminbi, è sceso dell’1 per cento rispetto al dollaro, il più grande calo avvenuto in un solo giorno da quando la Banca Popolare Cinese ha svalutato la moneta lo scorso 11 agosto 2015. Il declino dello yuan è avvenuto al mattino ma poi ha finito con un guadagno di 250 punti base contro il dollaro alla chiusura dell’8 febbraio.

Nel mese di gennaio, lo yuan ha guadagnato il 3,5 per cento contro il dollaro, il suo più ripido aumento mensile da quando il suo ancoraggio alla moneta statunitense è stato rilasciato nel 2005, riporta Scmp. Dopo anni di tentativi di soffocare i deflussi di capitale e sostenere l’ ascesa dello yuan, l’ ultima parola di Pechino suggerisce che sta ora adottando un approccio più improntato al laissez-faire.

La China State Administration of Foreign Exchange ha pubblicato sul sito web dell’agenzia che si aspettava di vedere afflussi di capitale equilibrato e flussi in uscita, e che avrebbe sostenuto i pagamenti in uscita. La People’s Bank of China ha annunciato che avrebbe mantenuto un tasso di cambio “fondamentalmente stabile” nel 2018, mentre un editoriale apparso nel quotidiano Economic Daily, di proprietà dello stato, ha messo in guardia gli investitori dal pensare che il valore dello yuan potesse solo aumentare.

La Reuters poi riportava che Pechino ha anche ripreso un programma di investimenti in uscita che concede licenze a un certo numero di enti gestori del denaro. 

«Questo significa che quando il mercato muove il renminbi troppo lontano in una direzione o nell’altra, vedremo i movimenti della banca andare contro il mercato (…) Questo è il classico approccio cinese. I responsabili politici apprezzano il mercato, ma a loro piace gestirlo», riporta Scmp.

Pechino ha molti canali a sua disposizione per influenzare il tasso di cambio. Mentre la Banca centrale ha dichiarato di astenersi dall’intervento diretto, pubblica ancora un prezzo a parità giornaliera per il mercato onshore basato sulle quotazioni delle banche commerciali, che a loro volta sono soggette alla “guida” della banca centrale.

Mentre uno yuan più forte è buono per Pechino perché placa Washington, è dannoso per gli esportatori, le cui merci diventano più costose. Di conseguenza, la crescita economica della Cina potrebbe rallentare quest’anno. Secondo i dati pubblicati dall’Amministrazione generale delle dogane, le esportazioni totali della Cina, misurate in dollari, è salito dell’11,1 per cento l’anno su anno nel mese di gennaio, mentre le importazioni sono aumentate del 36,9 per cento.

Graziella Giangiulio