CINA. FTZ più libere: risposta cinese al protezionismo

68

Il governo cinese ha alleggerito le restrizioni sulle attività nelle 11 zone libere. Altri settori sono ora aperti agli investimenti stranieri nelle 11 Free Trade Zone della Cina, riporta China Daily. Si va dalla produzione di elicotteri ai servizi finanziari, ha annunciato il ministero del Commercio di Pechino. La Cina si è impegnata a offrire più spazio di mercato alle imprese straniere per effettuare attività di produzione, trasporto, informazione, estrazione mineraria, ricerca scientifica e attività legate alla cultura in queste zone.

Il ministero ha comunicato che tutte le attività svolte da imprese estere in aziende non in negativo devono essere depositate presso l’ufficio commerciale competente, anziché essere esaminate da ufficio governative. Il governo centrale ha quindi rimosso la restrizione secondo cui i partner cinesi devono essere in possesso quando le imprese estere hanno istituito le società per la produzione di elicotteri di oltre tre tonnellate di materiale nelle Ftz e che l’attività commerciale di produzione di veicoli ferroviari urbani deve essere condotta sotto forma di joint venture. Inoltre, hanno la facoltà di istituire società di proprietà individuale.

Volendo ripristinare la capacità economica del paese, il Consiglio di Stato il 16 giugno aveva pubblicato la black list del 2017 per le Ftz, che rimuove 27 articoli presenti nell’edizione 2015, portando così a 95 le aree fuori limite per gli investitori stranieri dal 2013. La Cina aveva 190 voci nella sua black list quando la prima Ftz, Shanghai Pilot Ftz, è stata lanciata nel settembre 2013.

«La modifica permetterà agli investitori stranieri di seguire le stesse regole per nuovi investimenti delle imprese nazionali», riporta il giornale. L’elenco negativo del 2017 ha chiarito ulteriormente i requisiti del background degli investitori, la capacità di guadagno e la proporzione di stock per le società estere nel partecipare a imprese del ramo bancario e assicurativo della Cina per aumentare la trasparenza e la competitività nelle Ftz.

La revisione può essere considerata come una mossa importante dalla Cina per aprire la propria economia in un contesto globale caratterizzato da un crescente protezionismo.

Graziella Giangiulio