CINA. Forte rallentamento dell’economia cinese

139

La crescita economica della Cina si è bloccata ad aprile, con minore attività dalla produzione industriale agli investimenti, alla diminuzione delle vendite al dettaglio in quanto il governo ha frenato le offerte immobiliari nelle grandi città e ha bloccato le irregolarità finanziarie.

L’espansione della produzione industriale ha rallentato arrivando al 6,5 per cento in aprile dal 7,6 per cento di marzo, mentre la crescita degli investimenti immobiliari è decelerata all’8,9 per cento da gennaio ad aprile, dal 9,2 per cento nel periodo gennaio-marzo e lo stesso deve dirsi delle vendite al dettaglio e dei consumi, secondo le ultime statistiche rilasciate dal National Bureau of Statistics riprese dal South China Morning Post. I dati dipingono un quadro sommerso della seconda economia mondiale al mondo dopo una crescita sorprendentemente forte registrata nel primo trimestre.

La Cina aveva registrato una crescita economica del 6,9 per cento durante il primo trimestre del 2017, un livello abbastanza alto da far pensare ad un relativamente facile da centrare obiettivo di crescita del 6,5 per quest’anno. Molte istituzioni, tra cui il Fondo Monetario Internazionale, hanno aggiornato le loro previsioni per la crescita economica della Cina; ma se la produzione di petrolio greggio è scesa del 3,7 per cento a 15,99 milioni di tonnellate il mese scorso, il più basso dal settembre 2016, tuttavia, la produzione di acciaio ha raggiunto un record di 72,8 milioni di tonnellate, nonostante gli ordini di Pechino per ridurre la capacità eccessiva.

Uno dei settori più importanti per la crescita futura dell’economia cinese è il mercato immobiliare, ma c’è un forte rischio che si registri un lento aumento delle vendite e dello spazio venduto degli immobili residenziali commerciali che si traduca in investimenti immobiliari deboli.

Le vendite immobiliari per superficie e valore sono rallentate notevolmente in aprile, mentre almeno 50 amministrazioni comunali in tutta la Cina hanno adottato misure per limitare gli acquisti, ma gli investimenti immobiliari possono ancora accelerare. L’investimento immobiliare è cresciuto del 9,3 per cento nei primi quattro mesi dell’anno, le vendite della terra sono aumentate dell’8,1 per cento per area con valori di transazione che aumentano del 34,2 per cento.

Maddalena Ingroia