CINA. Esercitazioni militari sino-statunitensi per abbassare le tensioni

86

Soldati provenienti dalla Cina e dagli Stati Uniti hanno concluso una settimana di esercitazioni congiunte di soccorso in caso di calamità lo scorso 17 novembre. Si tratta di un evento di cooperazione che contrasta con il peggioramento dei legami tra i due paesi sul commercio, sul Mar Cinese Meridionale e su Taiwan. 

Le relazioni tra le due maggiori economie del mondo sono crollate nel tempo dell’Amministrazione Trump.

L’esercitazione, che si è svolta nella città cinese orientale di Nanchino, è stata fatta una settimana dopo che il ministro della Difesa cinese Wei Fenghe e il diplomatico di alto livello Yang Jiechi hanno visitato Washington, dove i funzionari statunitensi hanno esortato la Cina a fermare la militarizzazione del Mar Cinese Meridionale. 

Non c’era alcun segno di tensione nei giorni di manovre, dato che i soldati cinesi e statunitensi hanno simulato di portare fuori persone da edifici distrutti da un terremoto e di curare i sopravvissuti in una base dell’Esercito popolare di liberazione alla periferia di Nanchino riporta Reuters. Le truppe hanno simulato operazioni di ricerca e salvataggio in una simulazione di un’area urbana devastata dopo il terremoto, usando cani da fiuto e altri attrezzi per cercare persone sepolte nelle macerie.

Interessanti annue i commenti dei due comandanti dell’esercitazione: «Solo attraverso più contatti, più scambi e cooperazione in aree di interesse comune possiamo aumentare efficacemente la fiducia reciproca e ridurre efficacemente gli errori di valutazione», ha detto Qin Weijiang, vice comandante del comando teatrale orientale cinese «Quindi penso che gli scambi bilaterali possono iniziare dagli scambi umanitari e di soccorso in caso di calamità e di espandersi in altre aree di comune interesse».

Il generale Robert Brown, comandante delle truppe Usa del Pacifico, ha detto che lo scambio è stato «estremamente importante»; «Proprio come i nostri leader lavorano per costruire un forte rapporto di lavoro e comprensione, noi, attraverso misure di rafforzamento della fiducia come questo Dme, Disaster Management Exchange, dobbiamo anche al nostro livello costruire una forte comprensione reciproca», ha aggiunto.

È stata la quattordicesima volta che si è tenuto uno scambio congiunto di esperienze che l’anno scorso si è svolto negli Stati Uniti. Il ministero della Difesa cinese ha detto di sperare che il rapporto militare possa diventare uno “stabilizzatore” per i legami complessivi con gli Stati Uniti.

Tommaso dal Passo