CINA. È lunga oltre 29mila chilometri la TAV di Pechino

68

La rete ferroviaria ad alta velocità della Cina che collega i centri urbani agli angoli più lontani continua ad espandersi a piena velocità. La Cina che ha iniziato a posare i binari per il suo primo collegamento ad alta velocità nel 2007 vanta ora la più estesa rete ferroviaria ad alta velocità del mondo, che si estende per 29000 chilometri a partire dalla fine del 2018.

Non meno di 4.000 km di nuove linee saranno costruite quest’anno, in quanto China Railway Corp. mira a lavorare a maglia più percorsi di tronco per servire hub strategici e le loro conurbazioni nelle zone costiere, al fine di sfruttare le basi di clientela in crescita per finanziare la costruzione di linee di alimentazione nelle province centrali e occidentali, riporta Scmp.

Questa vera miniera d’oro vede la partecipazione di un numero crescente di ingegneri idraulici e strutturali, assieme all’ente ferroviario statale, per affrontare la crescente tendenza ad elevare i treni ad alta velocità su lunghi cavalcavia e ponti. L’Economic Daily di Pechino riporta che la prima linea ferroviaria ad alta velocità di 350 km/h tra Pechino e Tianjin, inaugurata nel 2008, era praticamente un percorso ferroviario su ponti, dato che le sezioni del ponte rappresentavano quasi il 90% della sua lunghezza totale.

I ponti occupano un’area di terra minore di quanto richiesto per i percorsi ferroviari a terra. Un percorso ferroviario a livello del suolo utilizza 28,4 ettari di terra per chilometro di binario, mentre la stessa lunghezza di binario su un ponte occupa solo 10,9 ettari di terra. In questo modo, le linee ferroviarie sopraelevate possono liberare spazio a terra in regioni densamente popolate. Le sezioni di ponte sono preingegnerizzate, prefabbricate, e poi trasportate in cantiere per essere imbullonate insieme. Questo accelera la costruzione e garantisce un migliore controllo di qualità.

La ferrovia ad alta velocità Pechino-Shanghai di 1318 km, aperta nel 2011 per collegare le due città più grandi della Cina, vanta il ponte più lungo del mondo: il viadotto di 164,8 km tra Danyang e Kunshan vicino a Shanghai si estende su quattro città nella provincia orientale di Jiangsu, dove il terreno predominante è costituito da risaie, canali, laghi e paludi. Il ponte corre approssimativamente parallelo al fiume Yangtze, passando per i limiti settentrionali dei centri urbani lungo il percorso. Impiegando oltre 10.000 operai, la costruzione ha richiesto quattro anni e costa circa 8,5 miliardi dollari, stando ai dati di Xinhua.

L’arteria ferroviaria di Pechino-Shanghai presenta anche un altro mega viadotto vicino a Tianjin nella Cina settentrionale, con una lunghezza totale di 113,7 km. Il disegno è stato scelto per evitare di ostacolare lo sviluppo di un certo numero di zone industriali e di altre ferrovie progettate nelle immediate vicinanze del collegamento ferroviario ad alta velocità.

Antonio Albanese