CINA. Crescono le vendite al dettaglio

38

di Graziella Giangiulio CINA – Pechino 16/12/2016. La crescita delle vendite al dettaglio in Cina è arrivata al 10,8 per cento anno su anno a novembre 2016, il più alto dell’anno. Questo dato, insieme ad altri indicatori di miglioramento, secondo The China Daily dimostra che l’economia si sta stabilizzando. Secondo i dati dell’Ufficio Nazionale di Statistica, la crescita delle vendite al dettaglio è stata la più alta dal dicembre 2015; nello stesso mese, la produzione industriale è aumentata del 6,2 per cento annuo, rispetto al 6,1 per cento nel mese di ottobre 2016.

I dati, prosegue il giornale, dimostrano che «la dinamica di crescita interna dell’economia è moderatamente migliorata (…) La crescita economica dovrebbe rimanere stabile nei prossimi mesi». Nonostante il miglioramento degli indicatori, gli investimenti privati, che indicano la vitalità del settore imprenditoriale, e il settore immobiliare, principale motore di crescita per la Cina nel 2016, hanno mostrato segnali di indebolimento, e hanno proiettato ombre sulle prospettive economiche nel 2017. La crescita degli investimenti privati è scesa al 4,93 per cento annuo a novembre 2016 dal 5,9 per cento registrato ad ottobre.

Anche se l’economia rimane in gran parte stabile, la politica monetaria della Cina dovrebbe rimanere invariata e sarà concentrata sul controllo del rischio, prosegue il quotidiano; il 13 dicembre, il ministero delle Finanze ha comunicato che la crescita annuale dei ricavi fiscali cinese è scesa al 3,1 per cento nel mese di novembre dal 5,9 per cento nel mese di ottobre. Il rallentamento della crescita è dovuto principalmente ad un calo delle entrate fiscali, sceso del 2,5 per cento nel mese di novembre, da un aumento del 7,2 per cento registrato ad ottobre.