CINA. Crescono i dubbi sui dati economici cinesi 

56

Cresce lo scetticismo sull’accuratezza delle statistiche ufficiali cinesi. A volte si è riscontrato un gioco di numeri sconcertante per gli economisti fornito dall’Ufficio Nazionale di Statistica. Ufficialmente, il Pil, ha registrato nel secondo trimestre una crescita superiore al 6,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Anche in questo caso, l’obiettivo del 2019 era ben al di sotto dell’obiettivo del 6-6,5 per cento, anche se ha toccato il minimo storico di 27 anni.

Le preoccupazioni ruotano intorno a cifre cruciali come la crescita del Pil, la produzione industriale e la fiducia delle imprese, mentre la guerra commerciale con gli Stati Uniti si trascina in mezzo al rallentamento dell’economia cinese, riporta Asia Times.

A dicembre 2018, l’Università di Finanza ed Economia di Shanghai ha pubblicato la sua indagine annuale sulle 31 regioni a livello provinciale. I risultati sono stati sorprendenti. L’hub high-tech e manifatturiero di Guangdong ha superato il sondaggio, segnando 69,38 dopo aver fornito quasi il 70% delle informazioni richieste dai ricercatori del Public Policy Research Center dell’università. 

Meno trasparente è stato il Jiangxi, che si trova nel sud-est del paese, con un punteggio di soli 26,98, mentre il punteggio medio è stato di 53,49 punti, «il livello generale di trasparenza nei governi locali cinesi rimane scarso», conclude lo studio. Nonostante i progressi compiuti, ciò che spiccava erano le statistiche del Guangdong. Questa regione è la casa di Tencent e Huawei, la regione ha smesso di rilasciare aggiornamenti mensili di un indicatore chiave che misura lo slancio della crescita nel settore manifatturiero di massa. La decisione è stata presa dopo che l’Ufficio di Statistica ha sostenuto che l’indice dei responsabili degli acquisti locali, sull’attività della fabbrica era “illegale” senza entrare nei dettagli.

Poiché la provincia costiera, che comprende Shenzhen, è un centro vitale per l’esportazione, la mossa ha sollevato più di qualche sopracciglia. È questo “sospetto” sulla salute della seconda economia più grande del mondo che sta offuscando un quadro decisamente oscuro.

Per quanto riguarda i dati sul Pil, la Cina «segna ancora il punteggio più basso tra i principali mercati emergenti nel punteggio della capacità statistica della Banca Mondiale», secondo il rapporto. Inoltre, le “discrepanze” si concentrano sui numeri regionali e nazionali: «Gli errori di misurazione sono inevitabili in un’economia, in particolare nelle economie emergenti grandi come la Cina. Ma lo scetticismo sull’accuratezza dei dati ufficiali cinesi si è intensificato», ha aggiunto lo studio.

A marzo lo studio A Forensic Examination of China’s National Accounts della Brookings Institution di Washington ha mostrato che la Cina ha dichiarato una crescita del Pil superiore di due punti percentuali in media tra il 2008 e il 2016. Il Fondo Monetario Internazionale ha messo in guardia sui pericoli dell’aumento delle tensioni commerciali sino-americane e delle ricadute della Brexit. A ciò si aggiunge il contrasto a Hong Kong tra il movimento filodemocratico e i leader politici della città.

Ci sono ora quindi seri punti interrogativi che gravano sull’economia cinese e sul modo in cui i numeri vengono schiacciati: una domanda comparsa su Twitter pone questa domanda: “Quale economia cresce al 6,4%, ma il consumo totale di energia elettrica delle imprese si riduce dell’1%?”.

Graziella Giangiulio