Sino pony express

10

CINA – Pechino 17/11/2015. I corrieri cinesi potrebbe pagare multe fino a 50mila yuan (circa 7.814 dollari) e vedersi revocare la licenza per eventuali fughe di informazioni personali dei propri clienti, in base a un progetto di regole annunciato il 16 novembre.

Le società dovranno regolarmente distruggere le lettere di vettura e sarà vietato vendere, perdere o fornire illegalemente informazioni personali dei clienti, prevede il progetto. Il disegno di legge, rivela Xinhua, sarà pubblicato on-line per sollecitare l’opinione pubblica fino al 15 dicembre, ha annunciato l’Ufficio affari legislativi del Consiglio di Stato. L’identificazione e fornire contatti personali sono necessari per spedire pacchi dal 1 novembre; la decisione è stata annunciata dopo che un gruppo di lettere esplosive hanno ucciso almeno sette persone e ne hanno ferito alcune decine, il 30 settembre e 1 ottobre nella regione autonoma del Guangxi Zhuang. Secondo il progetto di legge, sarà proibito inviare cose che potrebbero mettere in pericolo la sicurezza nazionale, la stabilità sociale e l’interesse pubblico, mentre il corriere è tenuto a controllare le merci prima del confezionamento.
Inoltre i corrieri che maltrattano i pacchi in modo da provocare danni, potrebbe essere multati fino a 50.000 yuan, nonché a vedersi sospesa l’attività. Nonostante un rallentamento dell’economia, i servizi di corriere sono cresciuti costantemente in Cina mano a mano che lo shopping online ha guadagnato popolarità. Il settore ha registrato una crescita annua di oltre il 50 per cento negli ultimi cinque anni, e quasi 20 miliardi di pacchi dovrebbero essere consegnati nel 2015, secondo i dati delle poste cinesi. In media, ogni cittadino cinese ha ricevuto più di 10 pacchi l’anno scorso, anche se solo la metà del paese è coperto da reti di distribuzione.