Le forze speciali dello ZRJ

182

CINA – Pechino 22712/2014. Recentemente i media statali di Pechino hanno confermato che l’Esercito di Liberazione del Popolo (Zhōngguó Rénmín Jiěfàngjūn – Zrj), la più grande forza militare del mondo, ha 10 forze per operazioni speciali, ciascuna con le proprie caratteristiche uniche e nomi in codice.

Le 10 squadre speciali provengono da ciascuna delle sette regioni militari del Zrj mentre le squadre di commando provengono da Marina, Aeronautica e Forze di Polizia Zrj. “Tigre siberiana” è il nome delle forze speciali della regione militare di Shenyang. Sono in grado di portare a termine missioni di terra, aria e acqua, così come di sopravvivenza nel deserto. L’unità pone particolare attenzione sulle capacità di sopravvivenza, spesso costringendo gli operatori a passare tre o quattro mesi in ambienti difficili come foreste, montagne, deserti e praterie con nessun riparo e/o senza cibo. “Freccia”, precedentemente conosciuti come “Spada Divina,” sono le forze speciali della regione militare di Pechino. Questa unità d’elìte è incaricata di proteggere la capitale. Ha un organico di 3.000 operatori, ognuno dei quali è capace di svolgere una vasta gamma di attività che vanno dalle operazioni belliche all’antiterrorismo. Ogni operatore di questa unità deve essere in grado di fare cinque chilometri zavorrato in meno di 25 minuti, completare un percorso ad ostacoli di 400 metri in meno di un minuto e 45 secondi, lanciare diverse centinaia di granate per almeno 50 metri di volta in volta, e di eseguire 100 flessioni in un minuto. Le forze speciali della regione militare di Lanzhou sono le “Tigri notturne”, hanno una lunga e illustre storia e le sue origini risalgono alla Seconda guerra mondiale. Sono anche la sede delle prima unità antiterrorismo della Cina, fondate nel 2000. Fondata nel 1992, la “Dragone volante” arriva dalla regione militare di Nanchino, si concentra su metodi di formazione di sicurezza non tradizionali. Nel 1997, questa unità ha effettuato una esercitazione coinvolgendo droni, elicotteri e paracadutisti. “Spada del Sud” arriva dalla regione militare di Guangzhou. Fondata nel 1988, è la prima tra le forze speciali ufficiali del Zrj. La formazione di base per questa unità include corsa campestre, arrampicata, nuoto e tiro, anche se i suoi operatori devono avere familiarità con il funzionamento di 15 tecnologie avanzate, tra cui la navigazione Gps, visione notturna e fotoricognizione. “Aquila” è la forza speciale della regione militare dello Jinan ed è nuova: possiede unità terrestri, aeree e marine nonché recce. Gli operatori devono essere in grado di fare almeno 3.300 metri in meno di 12 minuti; decomponi essere esperti nel combattimento corpo a corpo e all’arma bianca, oltre che nelle arti marziali e qigong. “Falcone” arriva dalla regione militare di Chengdu. Questa unità è specializzata in missioni che prevedono inseguimenti in auto, scogliere e salvataggio degli ostaggi. I commando della marina sono i “Jiaolong”, che significa “Dragone marino”. La sua prima missione pubblica è stata quella di proteggere tre navi da guerra cinesi impegnate contro i pirati somali nel dicembre 2008. Da allora, il gruppo ha partecipato a missioni anti-pirateria nel Golfo di Aden per oltre 300 giorni.
“Leishen” o “Thor” appartengono all’aeronauticamilitare cinese. Ufficialmente fondati nel settembre 2011, l’unità effettua attività di formazione paracadutistica e prepara i soldati ad una vasta gamma di scenari di battaglia e di ricognizione. Forze di Polizia del popolo cinese hanno due squadre di commando, la “Leopardo delle nevi” e “Falcone”. Dalla sua istituzione, nel dicembre 2002, la prima ha completato più di 90 missioni e ha partecipato a importanti esercitazioni militari. Falcon ha una storia che risale al 1982 ed è stato coinvolto in una vasta gamma di attività importanti, quali la fornitura di protezione per visite di capi di Stato, nonché la salvaguardia di eventi chiave come le Olimpiadi di Pechino del 2008.