Pechino nel regno del Calcio entro il 2050

2

CINA – Pechino 13/04/2016. Il modello economico pianificato dalla Cina vuole entrare anche nel mondo del calcio.

Pechino, infatti intende entrare da dominatrice del pallone, anche perché il calcio è lo sport preferito del presidente Xi Jinping. Entro il 2050, la Cina vile diventare una delle centrali calcistiche di tutto il mondo. Nel piano di sviluppo, preparato dalla Commissione sviluppo e riforme, pubblicato dai media cinesi, vengono delineate tre fasi di crescita per far sì che la nazionale cinese sia al pari di Brasile, Germania, Spagna, Italia e Inghilterra. La prima fase dovrà sviluppare una base calcistica tale che entro il 2020 ci siano 20mila scuole calcio in tutto il paese e più di 30 milioni di studenti delle scuole primarie e secondarie pratichino questo sport. Diversi club europei professionali, come Real Madrid e Barcellona, ​​hanno già le proprie scuole di calcio in Cina, soprattutto nelle grandi città, ma il piano nazionale mira ad estendere l’iniziativa a tutto il paese. Nella seconda fase, 2021-2030, la Cina punta a far ritornare la squadra femminile a vertici mondiale, e per la squadra maschile di essere almeno la migliore nazionale in Asia. Infine, nella terza fase, 2030-2050, la Cina spera di diventare una delle più importanti nazionali di calcio in tutto il mondo. La nazionale di calcio cinese è riuscita a qualificarsi in una sola Coppa del Mondo, l’edizione del 2002 in Corea del Sud e Giappone.