CINA. Avanti con le esercitazioni militari

181

di Lucia Giannini CINA – Pechino 25/01/2017. Le forze armate cinesi proseguiranno nel loro programma addestrativo indipendentemente dalle provocazioni e pressioni straniere. Lo ha annunciato il Quotidiano del Popolo, giornale del partito comunista.
Il mese scorso, le esercitazioni della portaerei Liaoning, accompagnata da una squadra navale di supporto, ha portato la squadra a girare intorno a Taiwan per delle esercitazioni di routine secondo Pechino, fecero molto scalpore e crearono profonde preoccupazioni a Taipei. Da parte sua, la Cina si è allarmata, quando Rex Tillerson ha detto che alla Cina dovrebbe essere negato l’accesso alle isole che ha costruito nel Mar Cinese Meridionale.
Il Quotidiano del Popolo ha detto che nessuna quantità di “parola esplosive”, come ad esempio le osservazioni del Mar Cinese Meridionale di Tillerson, potrebbe fermare le esercitazioni militari della Cina: «D’ora in poi, le esercitazioni dei militari cinesi in alto mare diventeranno manovre estremamente normali», ha detto il giornale.
La Cina ha infatti investito miliardi di dollari in un programma di modernizzazione militare, in particolare della sua marina, riporta Gulf News.
La marina cinese è presente nelle pattuglie internazionali contro la pirateria al largo delle coste della Somalia; nel 2015, cinque navi cinesi hanno svolte esercitazioni in acque internazionali nel Mare di Bering al largo dell’Alaska. Nel 2015, una fregata della marina cinese ha evacuato i cittadini stranieri dallo Yemen, prima volta che i militari di Pechino hanno aiutato altri paesi ad evacuare persone durante una crisi internazionale.