CINA. Aperto il secondo oleodotto sinorusso

75

Il secondo oleodotto petrolifero tra Russia e Cina ha iniziato le operazioni in questa settimana. La sua apertura raddoppierà l’importazione annuale della Cina di petrolio greggio russo, riporta il China Daily.

La linea è diventata operativa il 1° gennaio e ha una capacità annua di 15 milioni di tonnellate metriche, una quantità che porterebbe le importazioni cinesi annuali di petrolio greggio russo a 30 milioni di tonnellate. Questa linea lunga 941,8 chilometri aumenterà la sicurezza energetica della Cina poiché la produzione di petrolio greggio nel nord-est del paese ha iniziato a diminuire.

La costruzione sulla seconda linea parte da Mohe, che confina con la Russia, alla città di Daqing nel nord-est della provincia cinese di Heilongjiang era iniziata nell’agosto 2016. La linea passa a nord della regione autonoma della Cina della Mongolia interna. La seconda linea è stata costruita in parallelo alla prima linea tra Mohe e Daqing, ha detto la PetroChina Pipeline Company. Il progetto intende approfondire la cooperazione energetica tra Cina e Russia e fa parte dell’iniziativa della Nuova Via della Seta. Partendo della città russa di Skovorodino, la nuova linea entra in Cina a Mohe e termina a Daqing. Nel suo primo giorno ha funzionato senza intoppi e la sua capacità di trasmissione è stata di 3.812 metri cubi all’ora alla stazione di Mohe, secondo Xinhua.

La Russia è un fornitore chiave di gas naturale per la Cina, nell’ambito della strategia di Pechino di incoraggiare questa fonte di energia e ridurre il consumo di carbone e ridurre gli elevati livelli di inquinamento in grandi parti del paese. Il gasdotto tra i due paesi è legato al trasporto di 38 miliardi di metri cubi di gas annuali verso la Cina a partire da quest’anno.

La prima linea da Mohe a Daqing è stata messa in servizio il 1° gennaio 2011, con una capacità annua di 15 milioni di tonnellate. Finora ha trasportato complessivamente 110 milioni di tonnellate di petrolio.

Tommaso dal Passo