CILE. Sale il numero dei morti e la COP25 va in Spagna 

33

Tramite il suo account Twitter, la Procura cilena ha comunicato il numero di decessi registrati durante le proteste iniziate 15 giorni fa. 

La Procura ha comunicato che il bilancio delle vittime durante le proteste è salito a 23, al momento, ma probabilmente è destinato salire. Secondo i magistrati, i decessi sono stati registrati nel quadro dello stato di emergenza decretato dal presidente Sebastián Piñera il 18 ottobre. 

La Procura cilena, ripota Telesur, ha dichiarato che cinque delle vittime sono morte a causa della polizia; altri 16 durante la presunta commissione di reati comuni e altri due durante la loro detenzione in una stazione di polizia.

Nel frattempo, le organizzazioni per i diritti umani riportano 1.305 feriti che sono andati negli ospedali, di cui 402 sono stati colpiti da pallottole e 288 da armi non identificate.

Quindici giorni fa i manifestanti cileni sono scesi in piazza per chiedere un cambiamento nel sistema economico della nazione, che non aiuta le fasce sociali più vulnerabili.

Sebbene il presidente cileno Sebastián Piñera abbia annunciato un cambiamento nel suo gabinetto e sospeso il coprifuoco, i cileni ancora nel piazze chiedono una nuova Costituzione.

Sebastián Piñera, intanto, ha informato che la Spagna sarà il nuovo paese ospitante per il vertice delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, Cop25, e non il Cile come era previsto, alla luce della situazione politica e sociale nel paese.

«Il nostro governo, con profondo dolore – perché questo è un dolore per il paese – ha deciso di non ospitare la Cop25 che era prevista per dicembre a Santiago, in Cile», ha dichiarato Carolina Schmidt, presidente designato della Cop25.

Allo stesso modo, Piñera ha sottolineato dal Palacio de la Moneda che la data di questa riunione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici rimane la stessa, dal 2 al 13 dicembre 2019.

Secondo le dichiarazioni del presidente cileno, dopo una conversazione con il premier spagnolo, Pedro Sánchez , la sede del vertice è stata spostata in Spagna.

«Il premier della Spagna ha trasmesso la volontà della Spagna di collaborare per tutto ciò che è necessario, tra cui, se del caso, ospitare il vertice sul clima a Madrid», ha affermato Piñera.

La notizia del cambiamento del paese ospitante è stata annunciata allo stesso modo dalla pagina web ufficiale Cop25, Cile 2019 che ha ribadito l’impegno del governo cileno nella lotta per fermare i cambiamenti climatici nella regione e nel pianeta. 

Maddalena Ingrao