CILE. Il fuoco divora 280mila ettari di terra

63

Una serie devastante di incendi boschivi stanno devastando diverse regioni del Cile. Nelle regioni meridionali del Maule e Biobio le fiamme sono divampate da giorni distruggendo più di 1.000 abitazioni a Santa Olga, stazioni di polizia e dei vigili del fuoco, scuole, ospedali e impianti industriali, riporta Efe.

Quarantasei aerei e circa 4000 vigili del fuoco e altro personale sono stati dispiegati per combattere gli incendi. Sono circa 5.000 i residenti della città che sono stati evacuati prima che l’incendio devastasse la città.

A Biobio, a 500 chilometri da Santiago, nella provincia di Concepción sono stati trovati diversi corpi arsi dalla e fiamme e ancora non identificati; a Maule, sono morti vigili del fuoco e carabineros che aiutavano la popolazione a fuggire.

Nel Biobio, così come nel Tome, l’attenzione si sta concentrando sulla città di Penco, che ha 50000 abitanti, e che dalla giornata del 25 gennaio è stata completamente circondata dal fuoco.

Il presidente cileno Michelle Bachelet ha ordinato di accelerare la fornitura di aiuti alle persone colpite dal disastro. Ha detto che il governo dall’inizio della crisi aveva fatto ogni sforzo per fronteggiare l’emergenza, la peggiore del suo genere in Cile.

Finora circa 15 persone sono state accusate di aver provocato incendi assortiti in punti diversi.

Bachelet ha confermato che Francia, Perù, Messico, Brasile e Colombia avevano mandato i loro vigili del fuoco per aiutare a combattere le fiamme, aggiungendo che di essere pronta a continuare a utilizzare l’aereo supertank, il più grande del mondo, arrivato in Cile il 25 gennaio e subito messo in funzione per spegnere gli incendi a Maule.

Bachelet ha anche detto che una simile offerta era giunta dalla Russia che aveva inviato aerei cisterna IL-76 per aiutare la battaglia contro il fuoco.

L’Ente forestale cileno, Conaf, ha segnalato 103 incendi, di cui 53 sono ancora accesi, 48 sono sotto controllo e due estinti. Impressionante il dato sulla distruzione dei terreni: circa 273.500 ettari sono stati distrutti dalle fiamme.

Tommaso dal Passo