Cile, più occupazione per le donne

34

CILE – Calama. Il Cile Migliora il quadro economico nella regione settentrionale del Cile. Oltre il 60 per cento dei posti di lavoro creati sono esclusivamente riservati alle donne, in particolare nel settore minerario.

«Il Segretario Regionale dell’Economia, Claudia Meneses, sottolinea che negli ultimi tre anni l’economia del nord è stata caratterizzata da una stabilizzazione dell’attività economica e un calo della disoccupazione». «Rispetto al 2011, i tassi di disoccupazione regionale sono scesi dell’1,8%» ha aggiunto il Segretario. A ribadire la bontà delle iniziative locali il Segretario regionale del Lavoro, Pablo García: «Nella regione più di 17.000 posti di lavoro sono stati creati dal 2010, di cui il 60% per le donne».

Le intenzioni del governo regionale sono quelli di creare 6.000 nuovi posti di lavoro in Antofagasta e a Calama. La priorità è stata data ai residenti locali, al fine di poter beneficiare di posizioni disponibili in diverse società. «Queste attività servono a facilitare l’accesso al mercato del lavoro, la concentrazione di domanda e offerta in un unico posto è pratico per il lavoratore, che ora ha la possibilità di visitare 30 aziende in un solo giorno», spiega García. Un altro strumento per ridurre la disoccupazione è il miglioramento dei sistemi di intermediazione del lavoro. Attualmente, le persone in cerca di lavoro nella regione possono navigare sul sito web dello scambio nazionale del lavoro, che contiene le varie posizioni aperte di numerosi posti di lavoro a Antofagasta e le zone circostanti. Meneses, ha fatto notare che la continua crescita è al di sopra delle aspettative, nonostante gli alti e bassi a livello globale, come la crisi finanziaria europea. «Il nostro paese e soprattutto la nostra regione, ha dimostrato proiezioni di crescita più forti rispetto ad altri Paesi dell’OCSE», dice.