Doku Umarov è morto?

69

CECENIA – Grozny 19/01/2014.  Il presidente della repubblica di Cecenia, Ramzan Kadyrov, ha dichiarato il 16 gennaio di avere nuove prove che il più noto militante islamista del paese è morto, proprio all’approssimarsi dell’inizio delle olimpiadi di Sochi. 

Ad oggi però le prove non si sono avute. Non è la prima volta che Ramzan Kadyrov ha annunciato la morte di Doku Umarov, classificato come terrorista sia dalla Russia che dagli Stati Uniti.

«Secondo le nostre informazioni, Umarov è morto e stiamo cercando per il suo corpo», ha detto Kadyrov nella serata del 16 gennaio sul canale televisivo NTV Russia. Non è chiaro dalle dichiarazioni di Kadyrov in quali circostanze Umarov sia morto. In un suo post su Instagram, Kadyrov ha detto che è stata intercettata una recente conversazione tra anziani militanti del Caucaso del Nord inclusa una discussione sulla morte di Umarov e sui disaccordi per la sua sostituzione.

I rischi di sicurezza per laRussia e per i giochi si sono evidenziati con il doppio attentato di Volgograd; Sochi è a poche centinaia di chilometri dal Caucaso del Nord, zona devastata da una rivolta di ispirazione islamista per più di un decennio. In un discorso ai suoi seguaci nel luglio 2013 , Umarov aveva dichiarato “guerra” alle Olimpiadi.

La maggior parte dei militanti del Caucaso del Nord sono stati uccisi negli ultimi anni, ma Umarov ha sempre ritornato dopo le notizie sulla sua morte.  

Fonti all’interno dei servizi di sicurezza russa hanno detto che non c’era alcuna conferma della morte di Umarov, secondo i media russi.

Umarov ha rivendicato la paternità per una serie di attacchi terroristici in Russia negli ultimi anni, compreso quello del 2011 all’aeroporto Domodedovo di Mosca e quelli del 2010 nella metropolitana della capitale.