Manifestazione pro Kadyrov a Grozny

10

CECENIA – Grozny 24/01/2016. In migliaia si sono riuniti a Grozny per mostrare il loro sostegno a Ramzan Kadyrov, presidente della repubblica cecena.

La manifestazione è iniziata il 22 gennaio nella piazza centrale di Grozny di fronte alla moschea “Cuore della Cecenia”, riprova Russia Today. L’evento è stato trasmesso in diretta da Grozny Tv. La manifestazione, organizzata da associazioni giovanili locali, aveva lo slogan “Il nostro potere è nell’unità”. È stata segnalata la partecipazione di più di 700mila persone, circa la metà di 1,38 milioni di abitanti della Cecenia. Molti dei manifestanti portavano manifesti con il ritratto di Ramzan Kadyrov e slogan a suo sostegno e in favore del presidente russo Vladimir Putin. In molti sventolavano le bandiere russe. Molti slogan cantati dai manifestanti hanno fatto sobbalzare l’opposizione del paese perché venivano definiti “traditori” e “quinta colonna” di interessi stranieri, in particolare quelli degli Stati Uniti. La manifestazione deriva dallo stallo tra Kadyrov e l’opposizione iniziato il 13 gennaio, dopo che il leader ceceno ha detto ai giornalisti che alcune figure che rappresentano la cosiddetta “opposizione non di «fanno il gioco inventato da servizi speciali occidentali» e che «dovrebbero essere messi sotto processo per attività sovversive».
Con queste dichiarazioni Kadyrov si è attirato le critiche di diversi politici e attivisti per i diritti umani, che le hanno considerate una minaccia. Il gruppo Intelligentsia Congress ha pubblicato una lettera che chiede le immediate dimissioni di Kadyrov da capo della Repubblica cecena. Circa 10.000 persone hanno firmato la lettera, pubblicata online, e membri del Consiglio presidenziale dei diritti umani hanno promesso di sollevare la questione con il Cremlino. I politici governativi ceceni, come il plenipotenziario della repubblica per i diritti umani, Nurdi Nukhazhiyev, ha detto che i commenti di Kadyrov riguardavano solo coloro che hanno preso di mira la sicurezza nazionale della Russia, e non ad ogni opposizione politica. L’ultima manifestazione di massa a Grozny aveva avuto luogo a gennaio 2015, dopo che Ramzan Kadyrov aveva condannato la rivista satirica francese Charlie Hebdo per la pubblicazione di vignette raffiguranti il ​​Profeta Maometto, e aveva invitato i ceceni e gli altri musulmani a mostrare il loro sostegno all’Islam. Il pomeriggio del 22 gennaio, Kadyrov ha ringraziato tutti i partecipanti alla manifestazione con un post Instagram, il suo preferito: «Voglio esprimere la mia sincera gratitudine a tutti coloro che hanno preso parte alla manifestazione. Ha dimostrato che siamo uniti nella nostra lotta per la pace e l’unità politica in Russia (…) A causa dei nemici della Russia abbiamo dovuto vivere una tragedia sanguinosa, ma abbiamo trovato la forza per sconfiggere le bande di innumerevoli servizi speciali occidentali e riportare la pace. Centinaia di migliaia di persone provenienti da diverse regioni della Russia hanno rifiutato i rinnegati che si sono venduti all’Occidente e che hanno, un unico obiettivo: sprofondare la Russia nel caos e metterla alla mercé degli Stati Uniti e dei suoi alleati. Ma questo non accadrà mai!», ha concluso il leader ceceno.