TANAP: il gas per l’Europa

73

AZERBAIJAN – Baku. 10/09/14. Liana Zhervalidze, senior consulente per National Oil and Gas Corporation of Georgia ha detto oggi in occasione della della conferenza internazionale “shelf Caspian”: «Il gas del Caspio è una delle vere fonti della diversificazione delle rotte delle forniture di gas verso l’Europa».

Secondo lei, Azerbaijan, Kazakistan, Turkmenistan e Iran hanno grandi riserve di gas naturale. «Per quanto riguarda l’Iran è da tempo sotto sanzioni internazionali, in questo paese vi sono grandi riserve di gas, ma ha bisogno di notevoli investimenti per estrarlo, tuttavia, risolto il problema del trasporto del gas, sarà più facile fornire il gas all’Europa, attraverso il gasdotto Trans-Anatolian (TANAP)» ha detto Zhervalidze. Il progetto TANAP prevede il trasporto del gas dal giacimento azero “Shah Deniz” attraverso la Turchia fino al confine con l’Europa. La Pipeline ha una capacità di 16 miliardi di metri cubi di gas all’anno l’inizio dei lavori è previsto per il 2018 e la chiusura de cantieri è prevista entro il 2023, la capacità del gasdotto sarà aumentata a 23 miliardi di metri cubi, e entro il 2026 sarà aumentata la capacità massima di progetto di 31 miliardi di metri cubi.
Nel caso del Turkmenistan, secondo Zhervalidze, la situazione è differente.
«Il paese è pronto ad esportare fino a 30 miliardi di metri cubi di gas all’anno, ma questo richiede una infrastruttura corrispondente. Il Turkmenistan sta sviluppando infrastrutture di trasporto del gas da est a ovest, ma è pronto a vendere gas anche appena varcati i propri confini. Ciò a sua volta richiede lo sviluppo del gasdotto Trans-Caspian» , ha detto il rappresentante della società.
I negoziati per il gasdotto Trans-Caspian tra l’UE, l’Azerbaigian e il Turkmenistan sono iniziati nel settembre 2011.
Nel luglio del 2013, dopo i colloqui ad alto livello a Ashgabat è stato anche firmato un accordo quadro tra i governi di Turkmenistan e Turchia in materia di cooperazione nel settore delle forniture di gas turkmeno verso la Turchia e l’ Europa. Il progetto di posa del gasdotto prevede 300 chilometri di infrastruttura attraverso il Mar Caspio fino alle coste dell’Azerbaigian ed è considerato ottimale per l’erogazione delle risorse energetiche del Turkmenistan per il mercato europeo. Altro paese a cui il Turkmenistan vuole vendere è la Turchia, che confina con i paesi europei.
La Gazzetta Ashgabat ritiene che per la posa del gasdotto sul fondo del Mar Caspio, non ancora determinata, sarebbe sufficiente il consenso delle parti (Turkmenistan e Azerbaijan), il cui territorio comprende il progetto. Azerbaigian ha espresso la disponibilità a fornire il suo territorio.