Aumentano le rimesse verso la Comunità Andina

21

PERU’ – Lima 07/07/2016. Le rimesse provenienti da tutti i paesi del mondo verso i paesi della Comunità andina (Bolivia, Colombia, Ecuador e Perù) sono state pari a 2897 milioni di dollari nel quarto trimestre del 2015, con un incremento del 6,7% rispetto allo stesso periodo del 2014.

L’incremento è dovuto principalmente alle rimesse ricevute dalla Colombia che ha raggiunto 1232 milioni di dollari (10,2% in più rispetto al quarto trimestre del 2014), e quelli del Perù per un totale di 716 milioni (5,7%), riporta Andina. Si sono registrati aumenti delle rimesse in Ecuador con 636 milioni (4,8%) e in Bolivia, con 314 milioni (0,4%), secondo il libro bianco “Las remesas en la Comunidad Andina en el cuarto trimestre de 2015”, a cura del Segretariato generale Can. La composizione strutturale della ricezione delle rimesse nella Comunità andina è rimasta simile nel quarto trimestre del 2015, con la Colombia come la più grande destinatario con l’equivalente del 42,5%, seguita da Perù (24,7%), Ecuador (22%) e Bolivia (10,8%). I paesi di origine sono nell’ordine: Stati Uniti (1197 milioni) e Spagna (566 milioni) restano i principali paesi di origine delle rimesse verso la Comunità andina, che ha rappresentato il 60,8% delle rimesse totali registrate durante il quarto trimestre del 2015. Tra gli altri paesi di origine delle rimesse si trova il Cile (151 milioni), l’Italia (143 milioni), l’Argentina (66 milioni), il Regno Unito (52 milioni), il Giappone (49 milioni ) e il Messico (44 milioni). Le spedizioni intracomunitarie (spedizioni tra i quattro paesi membri), nel quarto trimestre dello scorso anno, hanno registrato un incremento del 10,6% rispetto allo stesso periodo del 2014. Nel totale delle rimesse Comunità andina le rimesse nel quarto trimestre del 2015 hanno rappresentato il 12,2% del valore delle sue esportazioni di merci; il 67,3% delle sue esportazioni di servizi; il 77,5% degli investimenti diretti esteri e il 114,8% delle entrate provenienti dal turismo.