Boko Haram, Nigeria contro il Camerun

84

NIGERIA – Abuja. 02/03/14. Nigeria e Camerun sono vicini al conflitto. A scriverlo è la testata nigeriana Punch. secondo cui l’oggetto del contendere, è la protezione data a Boko Haram dal Camerun. Ieri, la testata Punch ha riferito che il governo della Nigeria si sente frustrato dal diniego del Camerun di affiancare la Nigeria nella lotta contro Boko Haram.

Una fonte presso il Ministero degli Affari Esteri nigeriana, ha riferito che uno dei nostri inviati a Abuja, ha detto che il presidente Goodluck Jonathan avrebbe riferito del comportamento del Camerun alle agenzie competenti delle Nazioni Unite. A quanto si apprende la strategia che il governo vorrebbe impiegare è quella di adottare la politica di inseguimento, in cui militari della Nigeria inseguono gli insorti nei loro nascondigli, senza obbligo di rispettare i confini, li stanano mentre quelli nei circoli diplomatici continueranno a portare avanti la diplomazia. Il governo nigeriano vorrebbe il via libera all’inseguimento e arresto da parte della conferenza internazionale del leader africani ad Abuja per il 21 incontro. Il presidente avrebbe detto: «La nostra architettura deve riconoscere il fatto che i criminali transfrontalieri non rispettano i confini, mentre le forze dell’ordine sono costrette a rispettare i nostri confini internazionali», aggiungendo: «Ci deve essere un compromesso su questo se dobbiamo eliminare la criminalità e reati transfrontalieri».

«Mentre rispettiamo i nostri confini nazionali, i terroristi si muovono dentro e fuori dei nostri confini, è giunto il momento di trovare un accordo tra i leader africani che un atto di terrore contro una nazione è un atto di terrore contro tutte le nazioni». Con un velato riferimento al Camerun, il presidente ha detto: «Non dobbiamo permettere che i nostri paesi diventino rifugi sicuri per i terroristi, dobbiamo cooperare al massimo al di là dei confini politici e adottare protocolli che consentono agli altri paesi di perseguire i terroristi ai loro rifugi sicuri in altre nazioni». «Anche se non siamo in grado di ridefinire i nostri confini siamo in grado di ridefinire il nostro approccio collettivo nella lotta insurrezioni transfrontaliere». La fonte avrebbe detto che il governo federale non ha apprezzato il fatto che il Camerun, a differenza di Niger e il Ciad, aveva fornito un rifugio sicuro per fuggire ai membri di Boko Haram nel nord del Camerun.
Secondo la fonte, Boko Haram,«Da tutte le indicazioni, sembra che vi sia un accordo non scritto tra i membri della setta e le forze di sicurezza del Camerun che possono operare da basi all’interno dei loro confini, purché non si lanciano attacchi nel Camerun».
La Nigeria farà pressione su Stati Uniti e il Regno Unito per chiedere alla Francia di fare pressione sul Camerun.