CAMBOGIA. Prodotti cinesi con etichetta cambogiana per UE ed USA 

47

Sembra che le imprese cinesi stiano cercando di eludere le tariffe imposte dagli Stati Uniti, reindirizzando le loro spedizioni attraverso la Cambogia. La Ssez, Sihanoukville Special Economic Zone (in apertura), si trova a 210 km ad ovest di Phnom Penh ed è stata costruita come una joint venture tra Cina e Cambogia nell’ambito della Belt and Road Initiative, l’ambizioso piano di Pechino per lo sviluppo del commercio e delle infrastrutture. 

La maggior parte delle 165 aziende della zona sono di proprietà cinese. Nel mese di giugno, gli Stati Uniti hanno ispezionato e multato un certo numero di aziende con sede nella Ssez per aver eluso le tariffe re-instradando le merci attraverso la Cambogia. Il trasferimento è avvenuto dopo che il dipartimento doganale del Vietnam ha trovato decine di esportatori che ri-etichettavano illegalmente le merci cinesi come “Made in Vietnam” per evitare le tariffe americane.

Anche se gli Stati Uniti non hanno detto quante aziende cinesi sono state multate o quante sono state multate, l’operazione ha coinciso con il record di esportazioni cinesi verso la Cambogia, uno dei maggiori sostenitori di Pechino all’interno dell’Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico.  

Il settore commerciale cinese è preoccupato che gli Stati Uniti potrebbero imporre più tariffe ai prodotti e alle aziende cinesi in Cambogia mentre la guerra commerciale si intensifica perché molti prodotti assemblati nella zona industriale sono destinati all’esportazione in Europa e negli Stati Uniti.

Da quando gli Stati Uniti hanno imposto l’anno scorso tariffe punitive alla Cina, le esportazioni cinesi verso la Cambogia sono costantemente aumentate. Nella prima metà del 2019 le spedizioni sono aumentate del 30,7 per cento su base annua a 3,77 miliardi di dollari, secondo l’Amministrazione generale delle dogane cinese.

Allo stesso modo, le esportazioni della Cambogia verso gli Stati Uniti nel primo trimestre di quest’anno sono aumentate del 22,4 per cento su base annua a 820,66 milioni di dollari.

Graziella Giangiulio