CAMBOGIA. L’Opposizione rientra dall’esilio per cacciare Hun Sen

68

Sam Rainsy, politico dell’opposizione cambogiana, sabato è volato in Malesia e ha detto ai sostenitori di “mantenere la speranza” dopo aver promesso di tornare a casa dall’esilio per radunare gli oppositori di Hun Sen e batterlo alle elezioni. Il governo cambogiano ha detto che non c’era un divieto di ritorno di Rainsy, ma lo ha descritto come “condannato Sam Rainsy” e ha detto che avrebbe preso provvedimenti contro chiunque ponesse una minaccia alla sicurezza statale, accusa già rivoltogli in precedenza.

Per decenni, l’ex ministro delle finanze Rainsy, 70 anni, è stato un oppositore di Hun Sen, 67 anni, ex comandante dei Khmer rossi che ha governato il paese per 34 anni. «Continuate a sperare. Siamo sulla strada giusta», ha detto Rainsy in un messaggio ai sostenitori quando è arrivato all’aeroporto internazionale di Kuala Lumpur: «La democrazia prevarrà. La democrazia ha prevalso in Malesia. La democrazia prevarrà in Cambogia».

Rainsy è fuggito a Parigi nel 2015 dopo una condanna per diffamazione e deve affrontare una condanna a cinque anni; accuse che, secondo lui, erano politicamente motivate. Rainsy aveva originariamente detto di voler attraversare la Cambogia dalla Tailandia il 9 novembre con altri leader del partito di Salvezza nazionale della Cambogia, Cnrp, ma gli è stato rifiutato il permesso di salire a bordo di un aereo Thai Airways da Parigi. Dopo essere arrivato a Kuala Lumpur dalla capitale francese, non ha detto se aveva ancora intenzione di tornare a casa. La Malesia non ha confini con la Cambogia, riporta Reuters.

Rainsy, fondatore del Cnrp, è stato un avversario di Hun Sen fin dagli anni Novanta, quando la Cambogia ha tenuto le sue prime elezioni dopo la devastante era del genocidio dei Khmer rossi.

Il leader del Cnrp, Kem Sokha, è agli arresti domiciliari in Cambogia dopo essere stato arrestato più di due anni fa e accusato di tradimento in vista delle elezioni del 2018.

«Il ritorno nel paese del detenuto Sam Rainsy e della sua fazione come cittadini cambogiani è senza ostacoli», ha detto il vice primo Ministro Sar Kheng su Facebook, «Ma il governo della Cambogia ha anche annunciato il diritto di intraprendere azioni legali contro qualsiasi azione che tenti di minare la pace, la stabilità sociale e la sicurezza dello stato».

Da quando Rainsy ha annunciato il suo ritorno, circa 50 attivisti dell’opposizione sono stati arrestati in Cambogia. La polizia si è ammassata il 9 novembre al valico di frontiera di Poipet con la Thailandia; a Phnom Penh, le forze di sicurezza hanno pattugliato pesantemente le strade durante le celebrazioni per il 66° anniversario dell’indipendenza dalla Francia.

L’opposizione in Thailandia ha detto che i piani sono stati abbandonati: «Possiamo dire che abbiamo raggiunto almeno il 70% del nostro obiettivo (…) Si possono vedere le intimidazioni, le molestie, la repressione, gli arresti».

Tommaso dal Passo