I deputati CNRP giurano

51

CAMBOGIA – Phnom Pen. 05/08/14. Tutti i cinquantacinque politici di opposizione Cambogia Rescue National Party (CNRP) hanno prestato giuramento come parlamentari oggi pomeriggio, dopo un boicottaggio del parlamento durato dieci mesi contro i risultati elettorali contestati a partire dal luglio dello scorso anno. Fonte xinhuanet.com.

Il presidente del CNRP, Sam Rainsy ha accompagnato il gruppo alla cerimonia di giuramento, che si è tenuta a Palazzo Reale «sotto i migliori auspici del re Norodom Sihamoni», ha detto il deputato del CNRP Son Chhay. Fonte xinhuanet.com. «Dopo la cerimonia di giuramento, i legislatori di CNRP si uniranno per la sessione parlamentare tenutasi l’8 agosto», ha detto ai giornalisti. Il Partito popolare cambogiano (CPP) del primo ministro Hun Sen è stato dichiarato vincitore alle elezioni, ottenendo 68 seggi mentre al CNRP ne sono stati assegnati 55. Ma l’CNRP aveva immediatamente rifiutato i risultati, attinente brogli, e aveva boicottato il parlamento da settembre dal 2013. Durante la crisi post-elettorale, l’opposizione ha svolto molte manifestazioni di piazza che ha portato a violenti scontri tra manifestanti e forze governative. Il partito CNRP ha annunciato di voler porre fine al boicottaggio del parlamento il 22 luglio dopo la dichiarazione di CPP che ha accettato le sue proposte per una revisione del Comitato elettorale nazionale (NEC), e la condivisione del potere in parlamento e un canale televisivo. Dopo il giuramento, 55 legislatori di CNRP lavoreranno con 68 legislatori del CPP per eleggere la leadership del parlamento e di modificare la Costituzione per sancire l’autonomia di un nuovo NEC. Chheang Vannarith, ricercatore senior dell’Istituto cambogiano per la cooperazione e la pace, ha detto che la riconciliazione politica e una innovazione e ha rafforzato la legittimità del governo e contribuirà alla concretizzazione per le riforme profonde e globali che servono alla Cambogia. «Se le riforme avverranno senza intoppi, la Cambogia riceverà più assistenza allo sviluppo internazionale e gli investimenti diretti esteri, in questo modo si arriverà a una significativa riduzione della povertà», ha detto. Nguon Meng Tech, direttore generale della Camera di Commercio cambogiana, ha detto che la svolta politica è un passo positivo per garantire la stabilità politica, elemento fondamentale per attrarre investimenti. «Se la crisi politica è finita, ho fiducia che sempre più investitori stranieri arriveranno in Cambogia» ha detto.