Cala l’export sudcoreano

27

di Tommaso dal Passo COREA DEL SUD – Seul  04/10/2016. Le esportazioni della Corea del Sud, pilastro principale dell’economia del Paese, sono diminuite del 5,9 per cento in settembre, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’annuncio è stato dato dal governo di Seul, riporta Efe. Le vendite all’estero per il nono mese dell’anno hanno raggiunto i 40,9 miliardi di dollari, secondo il Ministero del Commercio, dell’Industria e dell’Energia sudcoreano.

Le importazioni della Corea del Sud è sceso 2,3 per cento per lo stesso periodo su base annua, pari a 33,8 miliardi di dollari, che hanno creato un saldo commerciale positivo di 7,1 miliardi di dollari.

Seul ha mantenuto costantemente un saldo commerciale positivo dal febbraio 2012, che però è sceso negli ultimi mesi; il ministero ha attribuito il calo delle esportazioni alla diminuzione della produzione automobilistica, causata dagli scioperi sindacali del settore. Questi scioperi hanno determinato un calo del 24 per cento, su base annua, delle esportazioni di automobili, il più grande da agosto 2009.

Il settore dell’elettronica ha anche subito  un calo, con le esportazioni cadute del 27,9 per cento a causa del ritiro del Samsung Galaxy Note 7 per i suoi problemi di batteria.

Oltre a questi fattori interni c’è anche il fattore esterno del rallentamento della Cina, principale partner commerciale della Corea del Sud, nel corso dell’ultimo anno: a settembre, le esportazioni della Corea del Sud verso la seconda economia più grande del mondo sono scese per il quattordicesimo mese consecutivo, questo mese del 9,1 per cento. Altro fattore esterno negativo, sono le esportazioni verso gli Stati Uniti, scese del 6,1 per cento, mentre quelle verso l’Unione Europea sono diminuite del 14,5 per cento.