BURKINA FASO. L’ONU lancia l’allarme: si teme un milione di sfollati 

49

Le Nazioni Unite avvertono che la crisi umanitaria in Burkina Faso sta devastando l’agricoltura e l’economia del paese, destabilizzando le comunità e mettendo a rischio la vita di bambini gravemente malnutriti. Le conclusioni sono il risultato di una missione di valutazione di 11 agenzie di aiuto delle Nazioni Unite e Ong nel paese.

Delle 486.000 persone sfollate dal 1° gennaio, più della metà è stata costretta ad abbandonare le proprie case negli ultimi tre mesi. La violenza armata continua ad aumentare, e il coordinatore dell’emergenza dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, Andrew Mbogori, ripreso da VoA, teme che il peggio deve ancora arrivare.

«Questa situazione in Burkina Faso si sta evolvendosi molto grave e in realtà… ci aspettiamo che questo numero raddoppi nei prossimi quattro mesi e dovremmo gestire un milione di sfollati forse in un paio di mesi a venire», ha detto Mbogori «quindi la situazione è davvero molto grave».

Il conflitto armato nel Sahel sta causando un’emergenza umanitaria senza precedenti nella regione. La violenza, che imperversa da anni in Mali e Niger, quest’anno si è riversata nel Burkina Faso. Mbogori ha detto che questo sta avendo un impatto devastante sulla popolazione. Da ultimo la strage in una moschea effettuata il 12 ottobre da un gruppo non identificato nel villaggio di Salmossi, regione di Oudalan, che ha fatto 15 morti.

«Migliaia di persone sono in movimento, esaurite e stanno cercando di trovare sicurezza tra le famiglie ospitanti e altri luoghi di transito», ha detto Mbogori. «Molti sono stati ripetutamente sfollati. La prospettiva del loro immediato ritorno non c’è. Di conseguenza, i loro bisogni e quelli delle famiglie ospitanti, già vulnerabili per il cibo e la nutrizione nella regione, stanno crescendo».

Meritxell Relano, vice direttore del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, afferma che i bambini sono tra i più vulnerabili. Dice che le preoccupazioni per gli attacchi armati hanno costretto più di 2.000 scuole a chiudere, tenendo 330.000 bambini fuori dalle classi.

«Così, questa insicurezza che sta costringendo le scuole a chiudere sta causando il rischio di abusi e sfruttamento per molti bambini», ha detto Relano. «Molte delle ragazze sono a rischio di matrimoni imposti, gravidanze precoci e alcune bambine sono anche ad alto rischio di essere reclutate da gruppi armati».

Relano ha detto che 68 strutture sanitarie sono state chiuse, e più di 800.000 persone non hanno più accesso alle cure mediche. Questo, dice, è particolarmente spiacevole in un paese dove un milione di bambini sono malnutriti. Di questi, lei nota che 145.000 soffrono di malnutrizione acuta grave, mettendoli ad alto rischio di morte.

Maddalena Ingrao