Bulgaria: stop alle moschee

45

BULGARIA – Sofia. 15/02/14. Ieri 2000 manifestanti sono scesi in piazza per dire no al ritorno delle moschee. I nazionalisti hanno attaccano la moschea Muradiyah nella città di Plovdiv con pietre e fumo e granate stordenti.

I nazionalisti non vogliono il ritorno della storica moschea Kursin a Plovdiv. Il capo per gli affari islamici dell’Ufficio del bulgaro ha depositato la richiesta per il ritorno della moschea di Kursun che ha 528. La richiesta rientra in una serie di domande in cui si invita il governo a ridare ai proprietari originali gli immobili che sono stati sequestrati durante l’era comunista. I manifestanti tenevano in mano cartelli su cui erano scritti slogan nazionalisti e hanno marciato verso la moschea Muradiyah nel centro della città e hanno lanciato pietre, fumo e granate stordenti, e hanno rotto le finestre. La polizia ha dovuto recintare il consolato della Turchia a Plovdiv quando i manifestanti hanno chiesto di parlare con il console generale. Due agenti di polizia e quattro dimostranti sono stati feriti dalle pietre lanciate dai manifestanti hanno detto fonti della sicurezza. Un manifestante è stato anche arrestato per aver lanciato pietre e bombe fumogene. Nel dicembre 2013, il Capo dell’Ufficio bulgaro per gli affari islamici, Ahmed Ahmedov ha affermato che movimenti nazionalisti hanno intensificato le manifestazioni e mostrato blocchi razzisti anche in modo aggressivo contro i musulmani locali e stranieri, a seguito di un recente afflusso di profughi arabi e africani nel paese.