Brasile: noi negoziatori per la Siria

57

BRASILE – Rio De Janeiro.10/5/13. Il Brasile si è offerto di aiutare la Russia e gli Stati Uniti come negoziatore nei rapporti con la Siria. A riferirlo il ministro degli Esteri, Antonio Patriota. «Il Brasile sostiene da tempo che sia possibile una soluzione negoziata all’impasse siriano. Siamo disposti a dare un contributo e sostegno di tali sforzi», ha detto Patriota.

Il Brasile ha accolto con favore che gli Stati Uniti e la Russia avevano proposto di tenere una conferenza internazionale sulla Siria aperta ai rappresentanti del governo siriano e dei ribelli. Lavrov ha detto dopo i colloqui con il Segretario di Stato John Kerry che Mosca e Washington «sono sempre stati a favore di una soluzione politica, l’inammissibilità della Siria di break-up » Il ministro degli Esteri ha anche detto i due paesi «non differiscono molto» sulla questione. Kerry, da parte sua, ha detto che il comunicato di Ginevranon deve essere considerato come un semplice pezzo di carta, ma “come una road map” per una nuova Siria senza violenza». Il ministero degli Esteri siriano ha accolto le intese tra Stati Uniti e Russia, ma i ribelli siriani sono scettici dell’ouverture USA-Russia.