BRASILE. Prima grande operazione antidroga nelle favelas di Rio

64

Almeno 24 persone sono state arrestate il 27 marzo in un’operazione anticrimine che ha visto mobilitati 3.400 soldati e 500 agenti di polizia, la più grande operazione condotta da quando l’esercito brasiliano ha assunto la responsabilità della sicurezza pubblica nello stato di Rio de Janeiro.

I soldati hanno circondato nelle prime ore del mattino la favela di Lins de Vasconcelos sul lato nord della città, in un’operazione volta a combattere i gruppi criminali dedicati al dirottamento dei camion merci, riporta Efe. L’assedio, che ha comportato il blocco di una grande autostrada, ha permesso agli agenti di polizia di entrare nella favela e di eseguire i mandati d’arresto.

Secondo un comunicato del Comando militare orientale del Brasile, alla fine l’operazione ha portato all’arresto di 24 persone per possesso di armi o droga in modo flagrante: «Gli oggetti sequestrati includono dieci chili di marijuana, una grande quantità di cocaina e crack, due pistole automatiche, un revolver, munizioni, otto walkie-talkie, 10 auto e 11 motociclette usate dai trafficanti di droga della zona», si legge nel comunicato.

Durante l’operazione, sono state rimosse le barricate fatte di blocchi di cemento e travi di acciaio che bloccavano le strade; durante le operazioni aerei militari hanno effettuato la sorveglianza. Anche se Lins de Vasconcelos ha un’unità di polizia dal 2013, quando un’operazione dell’esercito riuscì a cacciare le bande di trafficanti di droga che controllavano la zona in quel momento, è ancora considerato uno dei quartieri principali di Rio dove è stoccata la refurtiva.

L’intervento militare nello Stato di Rio,  un’iniziativa senza precedenti dalla costituzione democratica del 1988, è stato sostenuto dal Congresso brasiliano e mira a fermare l’ondata di violenza che ha ucciso 6.731 persone l’anno scorso. Tuttavia, le forze armate non hanno ancora ridotto la violenza che ha afflitto Rio dall’organizzazione dei Giochi Olimpici nel 2016.

Maddalena Ingroia