BRASILE. Per Bolsonaro la deforestazione amazzonica è una fake news

149

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha accusato il 19 luglio l’organismo statale responsabile per il monitoraggio dei livelli di deforestazione di rivelare dati falsi, dopo che i numeri preliminari hanno mostrato un drammatico aumento nel mese di luglio. «Sono convinto che i dati sono una bugia, e chiederemo al presidente dell’organizzazione di venire qui a parlarne», ha detto Bolsonaro.

Le osservazioni riprese da Reuters arrivano un giorno dopo che l’Istituto Nazionale Brasiliano per la Ricerca Spaziale, Inpe, ha pubblicato dati satellitari preliminari che mostrano un’accelerazione nella deforestazione che mostrano un’accelerazione nella deforestazione) della foresta amazzonica del Brasile nella prima metà di luglio a più di 1.000 chilometri quadrati, un salto del 68% rispetto all’intero mese di luglio 2018. Inpe ha dichiarato di monitorare costantemente la qualità dei dati sulla deforestazione, che attualmente presenta un tasso di precisione di oltre il 95%.

La settimana scorsa, un gruppo di sette istituzioni scientifiche, tra cui l’Accademia Brasiliana delle Scienze, ha difeso Inpe in una lettera aperta al presidente Bolsonaro e ad alti funzionari, dicendo che era di importanza strategica essenziale che le cifre relative alla deforestazione non fossero soggette a interferenze non dovute.

Ma il presidente brasiliano aveva detto che i dati non corrispondono alla verità, ripetendo di credere che il Brasile soffre di una vera e propria “psicosi ambientale”. Ha risposto con rabbia a un giornalista europeo: «L’Amazzonia è nostra, non tua». Alle domande sull’aumento della disuguaglianza nel paese, Bolsonaro aveva negato l’esistenza della fame in Brasile, dicendo che anche tra i poveri non ci sono «persone per strada con un fisico scheletrico come si è visto in altri paesi».

Secondo i dati dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, Fao, 5,2 milioni di persone hanno sofferto la fame in Brasile nel 2017 rispetto ai 5,1 milioni di persone nel 2014; dati che stavolta Bolsonaro difficilmente potrebbe smentire.

Maddalena Ingrao